Home Recensioni Recensione Lenovo ThinkPad X300 - Test, disassemblaggio ed accessibilità

Recensione Lenovo ThinkPad X300 - Test, disassemblaggio ed accessibilità

Lenovo ThinkPad X300 reviewIn prova Lenovo ThinkPad X300, un notebook ultrasottile destinato agli utenti più esigenti, che non intendono scendere a compromessi in fatto di mobilità, qualità e stile.

Test

Per i test rinviamo alla comparativa Luxury notebook: 5 portatili ultrasottili a confronto.

Accessibilità e capacità di espansione

Uno chassis ultrasottile e una progettazione interna complessa non aiutano l'accessibilità dei componenti, limitando le possibilità di upgrade. Per fortuna Lenovo mette a disposizione i manuali di riparazione per il download pubblico (Service Manual del Lenovo ThinkPad X300).

Image
Image

Sul fondo del notebook è presente un unico sportellino che consente di accedere ad un vano contenente i due slot per le memorie RAM e ai due slot per schede Mini PCI-e, disposti entrambi in modo speculare.

Image
Image

Il chipset purtroppo è quello della vecchia piattaforma Intel Centrino (quarta generazione), quindi è in grado di supportare massimo 4GB di RAM DDR2, 2GB per ogni slot.

Image
Image

Il vano delle schede di espansione è letteralmente “tagliato su misura” per i due slot di espansione per schede PCI-Express minicard: il primo ospita il modulo Intel WiFi Link 4965AGN in formato full-size, mentre il secondo slot è libero, ma può alloggiare solo moduli in formato half-size.

Image
Image
Image

Stessa cosa per il drive SSD: è posizionato all’interno di un vano apposito sul fianco del notebook, quindi è impensabile effettuare la sostituzione con un hard disk tradizionale o con un SSD di dimensioni o spessore maggiori.

Image
Image

Dopo aver rimosso la tastiera riusciamo ad accedere al terzo slot per schede Mini PCI-e che ospita la scheda WWAN prodotta da Sierra Wireless. In una gabbia di lega di magnesio riusciamo ad intravvedere anche la prima porzione della motherboard e la ventola del sistema di raffreddamento.

Image
Image
Image

Lo step successivo è la rimozione del palm rest, che incorpora anche il touchpad  ed il lettore di impronte digitali. Possiamo così ammirare meglio la struttura ad alveare del telaio e osservare il minuscolo modulo Bluetooth.

Image
Image

Per raggiungere il processore è necessario effettuare il completo disassemblaggio del portatile!

Image
Image

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy