Home Articoli Recensione Panasonic ToughBook CF-19 - Temperature e conclusioni

Recensione Panasonic ToughBook CF-19 - Temperature e conclusioni

Panasonic Toughbook CF-19 recensioneIn prova il rugged notebook Panasonic ToughBook CF-19, un tablet PC convertibile corazzato che risponde a standard militari e normative comunitarie in materia di protezione e sicurezza.

Temperature e comfort acustico

Il processore ad alta efficienza energetica Intel Core Duo ULV U2400 è garanzia di temperature e consumi contenuti. Anche l'hard disk di Hitachi contribuisce con un consumo inferiore del 10% alla media. Se si aggiunge che il Panasonic ToughBook CF-19 non dispone di un telaio angusto, possiamo comprendere perché questo notebook sia talmente silenzioso.

La ventola ruota ad un basso regime e aumenta velocità raramente: il nostro test di stress, condotto portando il sistema in full load per 30 minuti, ha rivelato temperature di soglia modestissime. L'hard disk sale da 36° a 42°, mentre il processore passa da 43-45° in idle a 66-67° sotto massimo carico!

Image 

Conclusioni

Panasonic ToughBook CF-19 è una macchina che ha una sua precisa destinazione d'uso ed è dotata di caratteristiche peculiari che le consentano di assolvere al suo compito nel miglior modo possibile.

L'estetica, con ogni probabilità, non incontrerà i gusti del pubblico consumer e molti non crederanno ai loro occhi leggendo il prezzo di listino, ma l'intenzione di Panasonic non era quella di creare un look ammiccante o di sedurre gli acquirenti con un prezzo aggressivo.

Il Tablet PC convertibile Toughbook CF-19 è a tutti gli effetti uno strumento di lavoro indispensabile per alcune categorie di lavoratori. Se i vostri dipendenti sono dei militari in missione, degli agenti di pubblica sicurezza, dei tecnici di piattaforme petrolifere, degli ingegneri in un cantiere edile, la vostra prima preoccupazione è che abbiano gli strumenti più adatti per svolgere il loro lavoro nella massima sicurezza possibile. Il costo diventa un fattore di secondaria importanza.

ImageImageImage

Peraltro, pensando alle caratteristiche di questo portatile, alla qualità dei materiali utilizzati, alla cura maniacale per i dettagli, alle soluzioni tecniche all'avanguardia di cui dispone, il prezzo di listino ci sembra più che giustificato.

Dopotutto, un rugged notebook è proprio questo: un computer portatile specificamente progettato per chi lavora in ambienti "poco convenzionali".


Commenti (4) 

RSS dei commenti
Scusate ma per l'hard disk la temperatura è aumentata di 6 gradi (da 36° a 42°) semplicemente perchè non l'avete stressato :wink: .....sicuramente sotto stress la temperatura aumenterà molto di più.

Ciao ciao, Whity smilies/smiley.gif  
0

Whity

settembre 23, 2008

E' il preset di impostazioni di default del Test di Stress di Everest che non aggiunge anche l'opzione "Stress Local Disk"
peraltro condivido la scelta  
0

Dgenie

settembre 23, 2008

secondo me su un notebook che deve sopravvivere anche a temperature elevatissime è giusto che sia compreso anche il test dell'hard disk.

Saluti, Whity smilies/smiley.gif  
0

Whity

settembre 24, 2008

infatti anche le temperature dell'hard disk sono state misurate, ma in condizioni di stress dell'hard disk standard
chi usa un notebook in condizioni estreme non per questo compie per forza dei task che fanno massiccio ricorso all'hard disk
diversamente per il processore, è molto più facile e comune compiere task che lo impegnano a fondo, anche con un uso standard
il tipo di stress che simula il Test di Stabilità di Sistema di Everest è uno stess di sistema, di carico di lavoro, non uno stress da condizioni ambientali avverse  
0

Dgenie

settembre 26, 2008

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy