Home News Comparativa: drive SSD MLC e SLC contro hard disk - Prestazioni in lettura e scrittura

Comparativa: drive SSD MLC e SLC contro hard disk - Prestazioni in lettura e scrittura

Comparativa SSDI drive SSD sono unanimemente considerati la tecnologia di storage del futuro. Per verificarlo abbiamo messo a confronto due SSD MLC e SLC con un hard disk magnetico tradizionale.

Prestazioni in lettura/scrittura

CrystalMark è una utility che si sta affermando rapidamente soprattutto grazie alla sua interfaccia intuitiva e alla sua semplicità d'uso. Per queste ragioni, CrystalDiskMark è uno dei tool più utilizzati dagli utenti alle prime armi e da chi inizia ad approcciarsi al mondo del benchmarking.

Il benchmark si compone di tre set di test, uno di scrittura/lettura sequenziale e gli altri due di scrittura/lettura random di differenti quantitativi di dati. Il risultato è assai severo per il nostro hard disk tradizionale, che nella scrittura sequenziale riesce ad esprimere al meglio le sue capacità, ma non riesce a tenere il passo dei due SSD in fase di lettura, con un distacco assai ampio nella lettura non sequenziale.

HDTune 3.0 Pro è invece lo strumento che abitualmente utilizziamo per l'analisi dei dispositivi di storage. È una applicazione ricca di features e considerata affidabile da un gran numero di riviste e siti specialistici di settore, Notebookitalia compreso.

Abbiamo eseguito tutte le prove consentite da questo software: performance di lettura a basso livello, performance di scrittura a basso livello e lettura/scrittura di file ad alto livello.

Il grafico che segue raggruppa le velocità di trasferimento dati ed i tempi di accesso misurati da HDTune in lettura.

Gli score registrati non lasciano alcun margine di dubbio: anche i migliori e più moderni hard disk magnetici, come l'Hitachi TravelStar 7K320, non riescono a eguagliare la rapidità dei drive SSD. Il solco si amplia se il confronto viene effettuato con un hard disk di fascia media: Mtron Pro 7025 e SuperTalent MasterDrive MX doppiano la velocità media di trasferimento dati dell'Hitachi Travelstar 5K250.

Prevedibile la differenza nei tempi di accesso: il drive allo stato solido di Mtron conferma il tempo d'accesso fulmineo di 0,1ms dichiarato dal produttore, mentre il dispositivo di Super Talent ottiene un coerente tempo di 0,5ms. La testina meccanica dei due hard disk Hitachi, invece, non riesce a scendere sotto i 15ms.

Molto diversa la situazione in fase di scrittura a basso livello: qui i due hard disk magnetici riescono a far valere tutta la loro maturità tecnologica facendo segnare velocità medie e di picco superiori alle memorie MLC del drive di Super Talent, anche se non tali da riuscire ad affiancare i chip di memoria SLC del drive Mtron.

Passando alla lettura e scrittura ad alto livello, il File Benchark di HDTune mostra una netta separazione fra prestazioni in lettura e velocità in scrittura. In lettura primeggiano i due drive SSD con velocità prossime a quelle massime dichiarate dai produttori (120MB/s), mentre in scrittura gli HDD Hitachi 7K320 e 5K250 riescono a superare di margine rispettivamente gli SSD Mtron Pro 7025 e Super Talent MasterDrive MX.


Commenti (2) 

RSS dei commenti
Bell'articolo, me lo sono divorato tutto.
Ottime performance dei dischi SSD soprattutto per quanto riguarda gli accessi non sequenziali, visto che gli hard disk devono spostare la testina avanti e indietro.
I prezzi però sono ancora un pò altini.. io aspetterei fine 2009 per l'aggiornamento, in modo che anche le tecnologie siano più mature. Ciao  
0

ilanur

gennaio 25, 2009

comunque il 2009 sarà l'anno della transizione. Credo che vedremo molti più notebook SSD based per l'aggiornamento di Settembre  
0

Dgenie

gennaio 26, 2009

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy