Home News Intel Classmate 3: si avvicina la terza generazione

Intel Classmate 3: si avvicina la terza generazione

Intel Classmate 3 netbookSecondo recenti indiscrezioni, la terza generazione di laptop low-cost Intel Classmate sarebbe vicina al lancio, previsto tra circa un mese; oltre alle modifiche hardware e software, ci sarà spazio anche per un aggiornamento estetico.

La terza generazione di Intel Classmate è alle porte. A rivelarlo sarebbero alcuni rumors, concordi nel posizionare il lancio ufficiale per il prossimo mese.

Il netbook a basso costo di Intel, originariamente indirizzato all'educazione dei bambini nei Paesi in Via di Sviluppo, ha assunto connotati sempre più consumer dopo il divorzio fra Intel e la fondazione One Laptop per Child (OLPC) di Nicholas Negroponte: è infatti attualmente distribuito, tramite system integrator locali, nei maggiori mercati di tutto il mondo, compresa l'Italia, nelle vesti di Olidata JumPC.

Il modello attualmente disponibile (conosciuto come Intel Classmate 2) è stato presentato all' IDF 2008 di Shanghai ed è caratterizzato da un nuovo design e dalla possibilità di montare un display da 9 pollici. La dotazione hardware resta, però, ancora legata ai processori Intel Celeron M ULV 353.

Proprio questa potrebbe essere la maggiore novità di Intel Classmate 3: secondo precedenti informazioni, il netbook del chipmaker di Santa Clara potrrebbe adottare i nuovi processori Intel Atom, nel modello N270 da 1.6GHz, affiancati da 1GB di memoria RAM DDR2, un hard disk da 30GB, display da 8.9 pollici e sistema operativo Linux.

Intel Classmate terza generazione

Circa l'aspetto estetico, Intel non ha ancora reso pubbliche fotografie o rendering, ma sembra sicuro che Classmate 3 sfoggerà un nuovo look. Si tratta di una questione di non secondaria importanza, considerato che proprio sul design si concentrano le maggiori perplessità degli utenti.

Le affermazioni  in questione non smentiscono né confermano i precedenti rumors riguardo la possibile adozione dell'interfaccia utente Sugar, che sancirebbe un ulteriore inasprimento dei rapporti tra Negroponte e Bender, capo della fondazione Sugar Labs nata proprio da una costola del progetto OLPC.

D'altro canto, a confondere la situazione sono arrivate in passato ulteriori voci che darebbero per certo l'utilizzo di Windows XP come sistema operativo per una nuova versione del laptop OLPC-XO, ma non per la nuova generazione OLPC-XOXO in fase di sviluppo.

Da queste frammentarie informazioni abbiamo la sensazione che il prossimo Classmate possa avere le carte in regola per rivaleggiare con gli attuali netbook commerciali come l'Asus Eee PC, entrando così nel vivo di uno dei mercati più promettenti. Aspettiamo inoltre di conoscere quale sarà la strategia di prezzo applicata di Intel, elemento fondamentale all'interno di un segmento commerciale contraddistinto da prodotti estremamente simili in prestazioni ed accessoristica.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy