Abbiamo testato in anteprima Realme X50 5G, il fratello minore di Realme X50 Pro 5G, con Qualcomm Snapdragon 765G, display IPS a 120Hz e ricarica rapida Dart Fast Charge da 30W. La nostra (video) recensione con le prime impressioni d'uso.

Dopo aver scalfito il mondo della telefonia grazie all'ottimo posizionamento dei suoi prodotti, Realme fa il giro di boa e prova a consolidarsi nel mercato degli smartphone mid-range con il suo nuovo modello Realme X50 5G, presentato poche ore fa in un evento live streaming sul canale YouTube di Realme Italia.

La rivoluzione nella fascia medio-bassa si basa sull'introduzione della connettività 5G. Non tutti potrebbero essere interessati ad entrare in questo mondo, visti i limiti odierni della rete infrastrutturale italiana, ma Realme fa questo deciso passo in avanti e non si smentisce nella volontà di anticipare le necessità del mercato consumer. Realme X50 5G eredita buona parte delle caratteristiche del fratello maggiore Realme X50 Pro, che occupa un gradino più alto ed è anche più costoso, proponendosi ad un pubblico più ampio con precise esigenze in termini di prestazioni ma con un budget più limitato.

Realme X50 5G

Per questo modello, infatti, l'azienda cinese è dovuta scendere a qualche compromesso, a partire dalla piattaforma hardware: il potente Qualcomm Snapdragon 865 è stato sostituito da un Qualcomm Snapdragon 765G con chiara vocazione per il gaming, che andrà incontro a quegli utenti in cerca di un terminale veloce e performante, con un occhio anche ai consumi energetici e al portafoglio. Ed ancora ha optato per un display IPS LCD (e non più OLED) a 120Hz con doppia fotocamera frontale e per la tecnologia di ricarica rapida Dart Charge a 30W (e non a 65W). Realme X50 5G non raggiungerà i risultati della versione "Pro" nei benchmark, ma almeno sulla carta si presenta come uno degli smartphone più validi in circolazione.

Il prezzo sarà l'ago della bilancia: Realme X50 5G sarà disponibile in Italia a partire dal 17 luglio in due colorazioni - Ice Silver e Jungle Green - e in due configurazioni: 6/128GB a 369.90 euro e 8/128GB a 389.90 euro. E aggiungendo un solo euro, potrete ricevere in regalo i nuovi auricolari Realme Buds Q, presentati nello stesso evento. Sembra che in Italia - almeno per ora - non sia previsto l'arrivo di una terza variante "intermedia" da 6/256GB che è invece disponibile sul mercato cinese.

Pro

  • Autonomia
  • Prestazioni
  • Display
  • 5G

Contro

  • Fotocamere
  • Manca il jack audio
  • No lettore di microSD
0
Un flagship proiettato nel futuro!
Design 0/10
Prestazioni 0/10
Prezzo 0/10
Materiali 0/10

Per qualche giorno abbiamo testato un Realme X50 5G in colorazione Jungle Green, davvero molto bella con i suoi effetti di luce, nella versione "base" ovvero con 8GB di RAM LPDDR4X e 128GB di memoria interna di tipo UFS 2.1, non espandibile ma comunque più che sufficiente per archiviare musica, video e foto senza paura di rimanere a corto di gigabyte.



La confezione di vendita non ci riserva sorpresa: colorazione totalmente gialla all'esterno con il nome del prodotto presente interno. Qui troviamo lo smartphone (provvisto sin da subito della pellicola protettiva per il generoso schermo contraddistinto dalla doppia fotocamera anteriore), un alimentatore da parete bianco da 30 Watt e un cavo USB-A/USB-C lungo 1.5 metri, anche questo in colorazione bianca. C'è inoltre una cover in silicone morbido, in colorazione fumé e particolarmente protettiva perché provvista di proteggi spigoli, sebbene di difficile inserimento.

Non ci sono cuffie in dotazione, anche se le avremmo apprezzate e neppure un adattatore da USB-C a jack audio vista l'assenza del connettore da 3.5 mm, ma troviamo la spilletta per poter estrarre il carrellino per la doppia nano-SIM e manualistica varia, che comprende la garanzia del prodotto ed un piccolo libretto di istruzioni.

Realme X50 5G

Realme X50 5G Realme X50 5G

Specifiche tecniche Realme X50 5G

  • Processore: octa-core Qualcomm Snapdragon 765G (2 Cortex-A76 a 2.86GHz + 2 Cortex-A76 a 2.36GHz + 4 Cortex-A55 a 1.95GHz), 7 nm
  • GPU: Adreno 620 con supporto API OpenCL 2.0 FP, OpenGL ES 3.2, Vulkan 1.1 e DX12
  • AIE CPU: Qualcomm Kryo 475
  • RAM: 6/8GB LPDDR4X dual-channel a 2133MHz
  • ROM: 128GB UFS 2.1, non espandibile
  • Schermo: IPS da 6.57 pollici FHD+ (2400 x 1080 pixel, 401 PPI), 120Hz, 24 bit, Corning Gorilla Glass 5
  • Fotocamere:
    • Posteriori:
      • Principale: 48MP (f/1.8) con AI
      • Ultra-grandangolare: 8MP (f/2.3) e 119°
      • Macro: 2MP (f/2.4) Macro Lens
      • B&W: 2MP (f/2.4)
    • Anteriore:
      • Principale: Sony IMX471 da 16MP (f/2.0)
      • Secondaria: 2MP (f/2.4)
  • Batteria: 4200 mAh con Dart Charge (30W)
  • Sensori: prossimità, luminosità, accelerometro, bussola, giroscopio, infrarossi, sensore di Hall, gesture sensor
  • Audio: Dolby Atmos, 1216 Linear Speaker, certificazione Hi-Res Audio
  • Sistema operativo: Android 10 + RealmeUI 1.1
  • Networking: WiFi 802.11ax (2x2 MIMO, WiFi 6), Bluetooth 5.1, 4G/5G (dual-SIM), NFC, GPS, A-GPS, GLONASS, BeiDou, Galileo
  • Interfacce: USB Type-C 3.1 OTG
  • Dimensioni: 163.8 x 75.8 x 8.9 mm
  • Peso: 202 grammi
  • Altro: lettore di impronte laterale
  • Colorazioni: Ice Silver e Jungle Green

Realme X50 5G



Il design non è innovativo. L'utilizzo di vetro e alluminio è buono, ma il mento pronunciato nella parte anteriore e l'impiego di un vetro posteriore efficace ma non di elevatissima fattura lo rendono meno pregiato di altre scelte attualmente in circolazione. In mano risulta leggermente più goffo di altri prodotti della stessa fascia di prezzo e superiori, ma probabilmente a causa dell'ampio display e delle dimensioni piuttosto generose (163.8 x 75.8 x 8.9 mm, 202 grammi). La colorazione dell'esemplare in test è quella verde che Realme chiama "Jungle Green", impreziosita da una serie di riflessi e giochi di luce che rendono lo smartphone adatto sia ad un pubblico più giovanile sia ad uno più maturo grazie ad un look moderno ma allo stesso tempo sobrio ed elegante. Ottima scelta.

Realme X50 5G

Ciò che colpisce del fronte anteriore di Realme X50 5G è la presenza di due fotocamere Dual-In-Display ovvero "immerse" del grande schermo, una soluzione che potrebbe far storcere il naso a qualcuno di voi ma che ci ha convinto per il particolare effetto visivo, che incornicia i due obiettivi alla riattivazione del terminale.

Lo schermo "Ultra Smooth Display" da 6.57 pollici è un IPS LCD di buona qualità, ben calibrato e con una superficie liscia (saranno molto contenti i detrattori degli schermi curvi) protetta da vetro Corning Gorilla Glass 5. Vi consigliamo però di rimuovere la protezione trasparente sul display perché è una vera e propria calamita per sporco e impronte. La luminosità pari a 480 candele, sebbene sia molto alta, non ci ha convinto in presenza di luce diretta del sole, il refresh rate di 120Hz (con possibilità di avere una gestione automatica di questa caratteristica) è scalabile sino ai classici 60Hz, la risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel) assicura una buona densità di pixel (401 DPI) e rapporto di forma pari a 20:9.

Realme X50 5G

Realme X50 5G Realme X50 5G

Realme X50 5GRealme X50 5G

La scelta di optare per uno display IPS, ha costretto Realme ad optare per un lettore di impronte digitali laterale e non in-display, che si è distinto per velocità e precisione. Potrete però utilizzare in alternativa la tecnologia di riconoscimento facciale per sbloccare il telefono, sebbene sia un metodo notoriamente meno sicuro.

Realme X50 5G

Sul lato posteriore, invece, il modulo fotografico è il vero protagonista con quattro sensori organizzati in una configurazione "a semaforo" ed accompagnati da un Flash LED dual-tone sul fianco. L'area è leggermente sporgente dalla scocca, uno spessore di qualche millimetro che fa "ballare" lo smartphone su una superficie piano ma che viene del tutto minimizzato, utilizzando la cover in dotazione. Come in Realme X50 Pro 5G, anche in questo modello, l'azienda ha impreziosito il modulo delle fotocamere con un bordino dorato, che ritroviamo anche intorno al sensore principale.

Realme X50 5G

Il design non proprio originale (ma nel 2020 è davvero difficile distinguersi), i materiali non pregiatissimi e l'assenza di una certificazione per resistenza all'acqua e/o alla polvere rendono questo Realme X50 5G piacevole, pur essendo segnato da piccole pecche.



Sotto il cofano è presente un processore di fascia medio-alta firmato Qualcomm e nello specifico uno Snapdragon 765G abbinato alla GPU Adreno 620. Noi abbiamo testato la versione con 8GB di RAM LPDDR4X e 128GB di memoria interna di tipo UFS 2.1, una scelta interessante che probabilmente si traduce nella volontà di incentivare il multitasking con tanta memoria volatile lesinando però sullo storage, tra l'altro non espandibile. Non tutti potrebbero condividerlo, soprattutto chi tende ad avere molti file e applicazioni archiviate nello smartphone, ma Realme X50 5G si difende molto bene.

La dotazione hardware è completata da WiFi 802.11ax (WiFi 6), Bluetooth 5.1 e ovviamente 4G/5G. Progettato per diventare il primo smartphone 5G a portata di tutti, Realme X50 5G supporta 5G full Network con Snapdragon 765G, coprendo le 12 bande di frequenza mainstream e supporta anche la doppia SIM 4G+5G allo stesso tempo per offrire agli utenti la migliore esperienza utente. Inoltre, consente la Dual Wi-Fi Network Acceleration e la Dual Channel Acceleration. La doppia accelerazione di rete Wi-Fi può connettere due Wi-Fi allo stesso tempo per una rete più veloce e stabile riducendo la latenza. A bordo anche NFC e localizzazione satellitare grazie a GPS, A-GPS, GLONASS, Beidou e QZZS.

Realme X50 5G

Il sistema operativo è Android 10, con l'interfaccia proprietaria RealmeUI 1.1. La personalizzazione non è molto lontana da quella vista sui dispositivi di altri produttori e proprio per questo non mi ha stupito, ma ho apprezzato la traduzione quasi perfetta di tutti gli elementi del sistema, tanto da non rimpiangere altri terminali.



Posteriormente ci sono quattro fotocamere che permettono di eseguire ogni genere di funzione: 48MP f/1.8, 8MP f/2.3 grandangolare a 119°, 2MP f/2.4 per le fotografie ravvicinate sino a 4cm dal soggetto e infine un sensore da 2MP f/2.4 in bianco e nero. Anteriormente c'è un modulo "a forma di pillola" in cui sono inclusi due sensori da 16MP e 2MP, quest'ultima in grado di aumentare la profondità di campo nello scatto e nella registrazione dei video.

Il software fotografico messo a punto da Realme è pratico e veloce, non lontano da quello che abbiamo provato su altri dispositivi di aziende cinesi, ma alla luce della nostra prova possiamo senza dubbio affermare che Realme X50 5G è un prodotto nominalmente completo: possiede una fotocamera da 48MP ad alta risoluzione, una grandangolare da 8MP e due da 2MP per riuscire a fornire all'utente degli scatti ravvicinati a fuoco, anche se a nostro parere il ruolo del sensore monocromatico (B&N) è davvero superfluo.

Realme X50 5G

I video sono di buona qualità ma non stabilizzati se non elettronicamente. La ripresa in movimento è segnata dal passo dell'operatore, mentre se si rimane fermi e si muove solo l'inquadratura il risultato sarà apprezzabile. Ci è piaciuta la possibilità data dal software di passare da una fotocamera all'altra senza interruzione nella registrazione, una funzione molto comoda se si è dediti a vlog di viaggio.

Gli scatti fotografici sono di buona qualità, molto lontani dai risultati ottenuti con smartphone di fascia più bassa (come per esempio Xiaomi Mi Note 10 Lite). Con tanta luce la fotocamera principale è promossa, ma al calar della sera o in ambienti più bui abbiamo riscontrato un abbassamento della definizione della foto ed una vistosa alterazione dei colori. Le quattro fotocamere posteriori hanno una resa poco più che sufficiente, ma ci dispiace constatare che il software tende ad accentuare le tonalità fino a renderle quasi fosforescenti. Le fotocamere frontali, sebbene siano rispettivamente da 16MP e 2MP, non ci hanno convinto pienamente per definizione e qualità cromatica.

Realme X50 5G



La batteria da 4200 mAh integrata in Realme X50 5G non è trascurabile e basta impugnare lo smartphone per "sentirla" nel palmo della mano. Con l'attivazione della modalità a 120Hz e con connettività 5G attivata saltuariamente (e comunque presente), permette di raggiungere sempre la fine della giornata con circa il 20% di energia di scorta, ma con un impiego più preciso e attento, siamo certi che sarà possibile superare le 36 ore. A differenza del Realme X50 Pro, questo modello supporta la ricarica rapida Dart Flash Charge da 30W (anziché 65W), che consente di ricaricare il telefono con schermo acceso in 30 minuti (da 0 al 70% di carica) e in meno di 57 minuti per una carica completa.

Realme X50 5G

Le temperature sono sempre sotto controllo e tollerabili. Nessun tipo di surriscaldamento, neanche occasionale. Sotto il profilo telefonico è un prodotto solido, la voce riprodotta dalla capsula auricolare è calda e stupisce. La stabilità del segnale è di alto livello. Il sensore di prossimità è molto sensibile, a volte anche fastidioso. La riproduzione dall'altoparlante di sistema è di buon livello, ma non primeggia su altri smartphone di fascia più alta eppure Realme X50 5G è dotato di 1216 Linear Speaker e supporta sia la certificazione Dolby Atmos sia Hi-Res.

In Italia, Realme X50 5G sarà disponibile a partire dal 17 luglio in due colorazioni - Ice Silver e Jungle Green - e in due configurazioni: 6/128GB a 369.90 euro e 8/128GB a 389.90 euro. E aggiungendo un solo euro, potrete ricevere in regalo i nuovi auricolari Realme Buds Q, ovvero la prima edizione speciale di auricolari true wireless per il mercato europeo.

Realme X50 5G

Alla luce delle prestazioni generali, il nuovo smartphone 5G di Realme è una proposta molto interessante, che eccelle in durata della batteria, velocità e connettività, ma che potrebbe migliorare nella resa fotografica, buona ma non all'altezza delle prestazioni attese dagli utenti. Realme X50 5G è senza ombra di dubbio il primo passo dell'azienda nel mercato mid-range con connettività 5G e proprio per questo ci sentiamo di promuovere un dispositivo che può migliorare e che probabilmente lo farà molto presto con qualche piccolo aggiornamento.

Commenti