Home News Ultrabook sì, ultrabook no!

Ultrabook sì, ultrabook no!

Ultrabook sì, ultrabook no!Intel incoraggia le aziende partner ma i produttori non sono convinti che gli UltraBook possano avere il successo che il colosso di Santa Clara decanta.

Intel si sta concentrando sugli ultrabook. Caratteristiche salienti di questi device, prestazioni elevate, chassis resistente ma sottile ed elegante e elevati livelli di sicurezza. Secondo i piani dell’azienda, entro la fine del 2012, gli ultrabook dovranno conquistare circa il 40% del mercato consumer. Le aspettative non sono banali. Per raggiungere simili risultati è indispensabile che le aziende partner credano in questo progetto e spingano sulla distribuzione di un numero enorme di dispositivi.

Asus UX21

E’ per questo che Intel, nei giorni scorsi, ha assegnato un consistente budget di spesa allo scopo di aiutare i suoi partner a produrre ultrabook. Un vero finanziamento. Il prezzo di vendita di simili notebook, per essere comunque ragionevole e in linea con le aspettative del mercato, dovrebbe restare al di sotto dei 1.000 dollari. Secondo le prime stime, i costi di produzione non potranno essere particolarmente contenuti. Confrontando questo dato con la necessità di proporre soluzioni economiche, i produttori si dichiarano poco convinti della vendita degli ultrabook.

Un ultrabook, generalmente, adotta chassis ultrasottili così come pannelli delle stesse caratteristiche. Impiega inoltre batterie ai polimeri di litio e unità allo stato solido come base per lo storage. Tutti componenti che rischiano di far lievitare i prezzi. Ma quale sarà il margine di guadagno dei produttori? Se fosse troppo modesto, potrebbe non valere la pena assecondare le necessità del chipmaker californiano. Allo stato attuale, è in programma il lancio delle prime soluzioni nel corso del prossimo mese di settembre da parte di Asus, HP e Acer.

L’analista Calvin Huang non si aspetta un volume di vendita elevato nel 2011 né tanto meno nel 2012. Lo stesso Huang ritiene inoltre che l’ufficializzazione di Windows 8 possa avvenire troppo in ritardo per dare la giusta spinta al settore.

Via: Fudzilla

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy