Esteticamente Fitbit Charge 4 non cambia molto rispetto alla precedente generazione. Questo probabilmente avrà deluso qualcuno di voi, ma ci sono dei vantaggi da non sottovalutare come la garanzia di avere un'ergonomia "collaudata", una tecnologia precisa e l'intercambiabilità con i cinturini del modello precedente (aggancio proprietario). Però anche se ci sono poche novità da evidenziare, il design resta sempre molto gradevole, perché semplice e pulito nelle linee, ma ben costruito. E lo dimostra anche la certificazione IP68, che lo protegge dall'acqua (fino a 5 ATM).

Fitbit Charge 4 è costruito interamente in plastica di buona qualità, solida e resistente ad urti e graffi. Lo abbiamo indossato per un mese intero e - dobbiamo ammettere - che è comodo anche durante la notte ed estremamente leggero (pesa solo 29 grammi), tanto che spesso ci si dimentica di averlo al polso. Ed è un punto a favore del tracker soprattutto per chi ama allenarsi senza avere la sensazione di un "corpo estraneo" al polso. Il cinturino "su misura" e l'anello che ferma la parte eccedente migliorano la vestibilità e l'aderenza, due accorgimenti che abbiamo apprezzato.

Fitbit Charge 4

La band riporta il logo Fitbit frontalmente, appena sopra il display, un OLED da 1.56 pollici (100 x 160 pixel), touch ma purtroppo monocromatico (come per Charge 3) che dimostra i suoi limiti soprattutto sotto la luce diretta del sole, pur essendo ben contrastato. Non è always-on, caratteristica ormai abbastanza comune negli indossabili anche se a discapito dei consumi energetici e quindi dell'autonomia, ma c'è comunque la possibilità di riattivare il display con un tocco. Sono mancanze che potrebbero pesare nell'acquisto di un nuovo fitness tracker, ma la forza di Fitbit Charge 4 sta nelle sue funzionalità.

Fitbit Charge 4

A sinistra dello schermo, Fitbit ha installato un pulsante "virtuale" induttivo che vibra quando è premuto e attiva la modalità "non disturbare" o quella "notturna". Sul retro invece spicca il sensore per il monitoraggio del battito cardiaco (PPG), con i pin per la ricarica e gli innesti per il cinturino.

  • Indietro
  • Avanti

Commenti