Home Articoli AMD: The Future is Fusion

AMD: The Future is Fusion

AMD Fusion for GamingAMD cambia pelle: un nuovo brand, "Fusion", un nuovo slogan, "The Future is Fusion" e una campagna globale accompagnano la transizione di AMD verso una nuova visione strategica fondata sul concetto di Accelerated Computing.

Tutti abbiamo sentito parlare di AMD Fusion almeno una volta, con riferimento alla prossima generazione di microchip della multinazionale californiana, caratterizzati da un design modulare e dalla compresenza su un unico die di CPU e GPU. In questo caso l'integrazione fra processore e motore grafico è al massimo livello, perché fusi nello stesso pezzo di silicio.

Ma Fusion, in senso lato, può indicare qualsiasi sistema in cui la grafica di una GPU (Graphics Processing Unit) si combina con la potenza di calcolo della CPU (Central Processing Unit).

Da nome in codice di una architettura di processore, "Fusion" diventa così la nuova filosofia di AMD, che sposa l'innovazione con la collaborazione. Molto più della semplice convergenza tra tecnologie per la grafica e i microprocessori, "Fusion" è il processo attraverso il quale AMD e i suoi partner danno vita a tecnologie di nuova generazione capaci di trasformare il modo di vivere, lavorare e divertirsi attraverso una combinazione flessibile di integrazione tecnologica e uno stretto rapporto con il cliente. "Fusion" è anche il processo nel cui ambito i desideri e le esigenze dei clienti si saldano con la passione e le capacità progettuali esclusive di AMD.

AMD vision: Accelerated Computing

Si tratta di un autentico cambio di identità per AMD, che si spiega con la necessità di assecondare un mutamento in atto nel settore dei Personal Computer: la tecnologia è giunta ad un punto in cui per continuare ad incrementare le prestazioni non è più sufficiente l'hardware ma è necessaria una più intensa correlazione fra hardware e software.

D'altro canto gli utenti continuano a chiedere sempre più performance e più efficienza energetica ad un minor costo. Che fare?

La risposta di AMD prende il nome di Accelerated Computing: una combinazione di differenti core, di cui alcuni specializzati in particolari compiti, e di software progettati per sfruttare massicciamente le capacità del calcolo parallelo.

In quest'ottica, l'architettura multi-core omogenea, che ha segnato l'ultima fase dell'evoluzione dei processori, si rivela inadeguata. Secondo AMD, con Fusion nasce una nuova generazione di processori, denominata "Heterogeneous Multi-Core": un sistema multi-core eterogeneo composto da molteplici processori progettati per ottenere le migliori prestazioni in una particolare applicazione.

Agli opposti approcci CPU-centrico e GPU-centrico, AMD ha preferito il bilanciamento e l'ottimizzazione. In base a questo orientamento, la CPU ha il compito di orchestrare le attività di sistema ed è affiancata da una serie di acceleratori specializzati in particolari task.

 


Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy