Temperature, batteria e conclusioni

Le qualità telefoniche sono eccellenti, ottima capsula auricolare e registrazione del microfono. Merita un piccolo accenno anche il sensore di luminosità che è molto preciso.

Passando alle temperature, dopo diverse ore di benchmark la termocamera Flir One misura oltre 40°C sia anteriormente che posteriormente, mentre nell’utilizzo giornaliero ha uno chassis quasi del tutto freddo.

La batteria integrata da 3430mAh con tecnologia VOOC 5V 4A regge una giornata stressante. I tempi di ricarica sono estremamente brevi, utilizzando il caricatore compreso in confezione la batteria sarà carica in poco più di 60 minuti. La tecnologia VOOC permette di avere lo smartphone freddo anche durante il caricamento.
Sotto Wi-Fi sfonderete abbondantemente il muro delle sette ore, con un uso su strada resterete sulle sei ore.

Temperatura sul retroTemperatura sul lato anteriore

La ricarica rapida Vooc non surriscalda il terminale

L’interfaccia utente è eccessivamente orientale, niente drawer e un set di icone che non mi piace. L’applicazione “Temi” completa un quadro di profonda personalizzazione, ma uno sforzo grafico superiore potrebbe rendere ancora più appetibile la proposta di OPPO.

Il prezzo di listino è di 649 euro. È disponibile nei negozi di elettronica più famosi, e, sebbene questo sia un vantaggio perché potrete vederlo dal vivo e provarlo, d’altro canto si scontra con i prezzi ben più bassi di altri smartphone su Internet. L’assenza di una porta di tipo C è forse imputabile alla tecnologia proprietaria VOOC.

Lo smartphone funziona alla grande, ma la competizione diventa quasi impossibile con un prezzo finale così esclusivo. Un peccato che un così bel prodotto non sia commercializzato a 399 euro, fascia di prezzo che potrebbe senza dubbio valorizzarlo.

  • Indietro
  • Avanti

Commenti