Home News Linux sui notebook: Dell sì, Toshiba forse, HP no!

Linux sui notebook: Dell sì, Toshiba forse, HP no!

ImageDopo il primo passo compiuto da Dell verso il mondo open source, anche Toshiba valuta la possibilità di vendere notebook con Linux preinstallato. HP, invece, resta fedele a Microsoft, ma potrebbe aprirsi uno spiraglio.

In realtà, quello dei computer portatili con sistema operativo Linux preinstallato è un tema di cui si parla già da molti anni. Quando i maggiori produttori ancora si rifiutavano di prendere in considerazione un'alternativa open source a Windows, capitava che qualche assemblatore equipaggiasse i suoi notebook con il Sistema Operativo del Pinguino. Era il caso, ad esempio, dell'italiana AJepCom che forniva laptop con Mandrake Linux 10.1.

Ora Mandrake ha ceduto il passo a Mandriva, nata dalla fusione con Conectiva Linux e Lycoris, e AJepCom ha cessato la sua attività, ma il testimone è stato raccolto da Dell, convinta, da un plebiscito sul blog IdeaStorm, a fornire Ubuntu come alternativa a Windows XP e Vista.

Ma dietro il rinnovato interesse delle grandi multinazionali per Linux non c'è solo la volontà di assecondare gli interessi degli utenti: c'è anche la possibilità di allargare il proprio business verso aree ancora poco esplorate del mercato. Possibilità che suscitano l'interesse anche di altri soggetti, come Toshiba, almeno a giudicare dall'intervista rilasciata al Sole24Ore da Luigi Cattaneo, Country Manager Toshiba per l'Italia.

L'azienda nipponica, fedele al suo slogan "Leading Innovation", si è confermata in crescita nel 2006 sul mercato italiano, dietro solo a due colossi come Acer e HP. L'adozione di Linux come sistema operativo alternativo per i propri prodotti potrebbe rivelarsi la chiave per mantenere questo trend positivo anche nei prossimi anni.

"Ai notebook basati su sistema operativo open source ci stiamo pensando, ne stiamo parlando con la Corporation e stiamo valutando attentamente le esigenze che arrivano dalla domanda. È un business potenziale a cui non possiamo e vogliamo chiudere la porta in faccia", dichiara Cattaneo, e le sue parole richiamano un altro leitmotiv degli ultimi tempi, quello dell'attiva partecipazione della comunità degli utenti alle scelte fondamentali della politica aziendale.

Data la stretta attualità dell'argomento, abbiamo colto l'occasione della conferenza stampa, tenuta da HP il 9 Maggio a Milano per illustrare i suoi nuovi notebook, per chiedere a Filippo Praticò, Country Category Manager di Hewlett Packard Italia, quali saranno le future strategie dell'azienda americana sul tema dell'open source.

Circa la possibilità che anche HP attivi strumenti di partecipazione diretta degli utenti, sul modello di Dell IdeaStorm, Praticò chiarisce che HP effettua periodicamente sondaggi d'opinione per conoscere le preferenze e i desideri dei propri utenti, affidandosi però ad aziende specializzate piuttosto che ad un sito web.

Spostando, poi, esplicitamente il tema della conversazione sulla possibilità che HP possa offrire computer portatili con sistemi operativi alternativi a Windows preinstallati, il nostro interlocutore ha precisato che, in Italia, HP basa la propria offerta mobile esclusivamente sui prodotti Microsoft, e quindi non è prevista la vendita di notebook con sistema operativo Linux o sprovvisti di sistema operativo.

Noi, però, non smettiamo di avere fiducia nella possibilità di una diversa soluzione: se è vero che proprio da un suggerimento di un utente allo stesso Praticò è partito tre anni fa il progetto che ha portato alla nascita del nuovo tablet HP Compaq 2710p, in egual modo una pressante richiesta degli utenti potrebbe portare l'azienda a riconsiderare l'idea di un'apertura al mondo open source.

Commenti (5) 

RSS dei commenti
In passato ho comprato più computer HP, ovviamente tutti con Windows, che io neanche volevo.
Come hanno fatto altre persone, chiamo HP dicendo che avrei restituito il cd di windows allegato e di non aver accettato l'EULA all'avvio del pc chiedendone il rimborso (chiaro che che quando compri windows con un pc, la spesa/rimborso è minimo, ma la mia richiesta non era finalizzta al rimborso).
Mi viene risposto che il sistema operativo fa parte del "pacchetto del pc" e quindi se l'avessi voluto con Linux o senza niente dovevo restituire tutto il pc e fare richiesta di uno come dicevo io direttamente ad HP. Troppo lungo e non l'ho fatto. Il mio scopo era un altro e mi è stato confermato dal call center HP: iniziano a ricevere più spesso richieste di questo genere e loro devono comunque segnare tutte le richieste che ricevono e quindi, mi diceva il centralinista, che HP pensava di far uscire prodotti con Linux se le richieste sarebbero state abbastanza. Quindi... continuiamo a chiedere Linux!!! Ma se compriamo quelli con Windows senza proferire parola.... loro continueranno così!  
0

AriannaMic

maggio 12, 2007

s'era parlato di un caso molto simile al tuo a questo link:
http://notebookitalia.it/linux-il-solito-escluso-accordo-tra-microsoft-ed-hp.html  
0

lex

maggio 13, 2007

Arianna è proprio quello che volevo suggerire con l'articolo, anche se HP non fa un sondaggio diretto come Dell, non vuol dire che non si possa far sentire comunque la propria voce. Va bene continuare a presentare richieste di rimborso, cosa che serve più come atto simbolico che per i soldi, ma anche un'azione più diretta per ottenere il diritto di scegliere non sarebbe da escludere a priori  
0

johnnymnem

maggio 13, 2007

Beh, sono arrivato qui per caso, sono l'ex titolare dell'AJepCom, o che dir si voglia il titolare dell'ex AJepCom.
cmq bando alle ciance, avevamo lanciato una bella iniziativa però purtroppo mancava la forza marketing ed il progetto è morto smilies/sad.gif

P.s. grazie della citazione

http://pettinix.blogspot.com  
0

lobotomia

settembre 10, 2007

Caro lobotomia, forse i tempi all'epoca non erano maturi per presentare prodotti con preinstallato linux. Piano piano le cose stanno cambiando, fortunatamente, e la gente comincia a guardarsi attorno scoprendo valide alternative ai tanto commercializzati notebook con windows preinstallato presenti sulla maggior parte degli scaffali dei negozi di computer.
Tutto sta come da te citato, nella forza di marketing che questi produttori di notebook sapranno dare ai loro prodotti con linux preinstallato. Così l'utente finale avrà un'ottima alternativa al monopolio microsoft.  
0

Piccolapes

settembre 11, 2007

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy