Home Articoli Guida agli HotSpot WiFi gratuiti - Catene commerciali e ristorazione

Guida agli HotSpot WiFi gratuiti - Catene commerciali e ristorazione

Guida al WiFi gratis in italiaNella precedente guida alla connessione durante le vacanze estive abbiamo visto come collegarsi ad Internet grazie alle offerte dei gestori di telefonia mobile. Adesso vedremo se e come è possibile connettersi agli hotspot WiFi gratuiti (e non) sparsi per l'Italia.

All'estero, e in particolar modo negli Stati Uniti, molte multinazionali predispongono i propri punti vendita di hotspot Wi-Fi per la navigazione gratuita da parte dei loro clienti. In Italia difficilmente si può operare una scelta uniforme e centralizzata in questo senso, e la maggior parte dei punti vendita gestisce la cosa separatamente. Un'eccezione è rappresentata da McDonald's, che ha adottato una strategia unitaria sul fronte wireless anche nel Bel Paese. Purtroppo non è disponibile online una mappa virtuale dell'ubicazione di tutti i fast-food che offrono questo servizio, ma la copertura è comunque notevole e ammonta ad oltre 300 ristoranti (circa l'80% dell'intera presenza del gruppo nel nostro paese).

Il Wi-Fi free di McDonald's

Benché più eterogenei e non uniti sotto lo stesso marchio, i gestori di bar e locali di ristorazione italiani stanno progressivamente seguendo il trend di queste multinazionali, e non è quindi più tanto raro poter gustare un cappuccino con cornetto mentre si controllano le proprie email comodamente seduti in un bar in centro. Visti gli investimenti che i gestori sono costretti a intraprendere per poter fornire questo servizio, spesso troverete indicazioni molto chiare che vi confermeranno se il locale che avete di fronte offre o meno una connessione Wi-Fi gratuita.


Commenti (2) 

RSS dei commenti
ciao,
recentemente sono stato negli Stati Uniti, a New York e vi posso dire che non è poi così semplice trovare un Hot-Spot gratuito in città. Inoltre non è vero che Starbucks offre connessione wi-fi internet gratuita, sono stato in più di cinque negozi della catena e tutti chiedevano il pagamento di una certa somma per collegarsi. Così come Central Park, nemmeno uno straccio di hot-spot.. L'unica volta che sono entrato in un locale è ho beccato una rete aperta è stato in un McDonald's e allora mi sono potuto leggere la mail in santa pace. Per il resto bisogna andare in giro per le strade e sperare di beccare qualche rete wireless trasmessa da qualche albergo, ma stando in piedi, altro che seduti a bersi il caffè..

Nessuna connessione gratuita all'aeroporto di New York, né a Madrid dove ho fatto scalo, né a Bruxelles, dove sono andato per un altro viaggio. Ma, incredibilmente, l'aeroporto Marco Polo di Venezia ha hot-spot gratuiti, e vanno che è una meraviglia senza nemmeno il bisogno di registrazione.

Io penso che At&T e Verizon non abbiano nessuna convenienza a far si che si diffonda il wi-fi gratuito e stanno spingendo i proprietari di locali a bloccare le proprie reti sennò addio abbonamenti salatissimi ai cittadini newyorkesi che entrano nelle tasche dei provider di telefonia.

Questa non è una critica verso niente e nessuno, ho solo raccontato la mia esperienza ed espresso un mio pensiero finale.
Ciao a tutti! smilies/wink.gif  
Scott

Scott

luglio 15, 2010

Ciao,
in base alla mia esperienza posso confermare che in Central Park è difficile trovare reti free
mentre in giro per New York se ne trovano
Starbucks mi sembra di ricordare che richiede una card, ma credo che fosse free
in compenso moltissime caffetterie offrono la connessione ad Internet
E' coperto da WiFi gratuito tutto Bryant Park anche se bisogna chiedere le credenziali nella biblioteca
C'era anche qualche access point totalmente libero in Bowling Green  
Dgenie

Dgenie

luglio 15, 2010

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy