Home News Smartbook HP: ARM Snapdragon e Android

Smartbook HP: ARM Snapdragon e Android

Smartbook HP: ARM Snapdragon e AndroidHawlett Packard, in apertura del CES 2010 di Las Vegas, propone un concept relativo ad un nuovo smartbook equipaggiato con processore Qualcomm e basato su sistema operative Android. Un video lo mostra in azione.

Hawlett Packard inizia la presentazione dei suoi nuovi device con un dispositivo piuttosto particolare ed interessante. Si tratta di uno smartbook che, come Lenovo Skylight, monta un processore Qualcomm Snapdragon ma, diversamente da quest’ultimo, è basato su Android, il sistema operativo di casa Google. Al CES, il produttore ha presentato un prototipo equipaggiato con connettività Wi-Fi e 3G e con un processore da 1 GHz ARM-based, nome in codice QSD8250. Lo smartbook è dotato di un display con diagonale da 10 pollici (così come quello utilizzato per il modello presentato da Lenovo) sensibile al tocco che utilizza la tecnologia resistiva.

HP Smartbook

I video e le immagini che lo ritraggono, mostrano un design particolarmente curato e “morbido”, con linee arrotondate e una colorazione chiara piuttosto elegante. Il touchpad è affiancato a destra e a sinistra da alcuni tasti di selezione. La tastiera sembra comoda, con tasti di generose dimensioni. L’interfaccia di Android, perlomeno dalle prime prove, appare avere una discreta reattività.

L’impiego del processore Snapdragon da 1 GHz è una solida base di partenza per l’esecuzione di applicativi e per il sostegno alle potenzialità del sistema operativo. Inoltre riesce a mantenere contenuti i consumi che, su un device di questo tipo, possono rappresentare un tallone d’Achille. Si consideri che il nuovo smartbook di HP, proprio in virtù del fatto che si basa su Android, è progettato per sfruttare pienamente i servizi offerti dalla rete e quindi per essere in uno stato always-connected.

Hawlett Packard non ha rilasciato attualmente informazioni ufficiali circa la data di commercializzazione e il prezzo di vendita, informazioni che comunque non tarderanno ad arrivare. Un grazie a Sascha e Nicole per il video fornito.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy