Nuove CPU Intel per gli ultraportatili in arrivoIntel si prepara al lancio di una nuova gamma di processori per la categoria degli ultraportatili: le nuove soluzioni verranno introdotte il 30 marzo, e non faranno parte dell'attesissima linea di chip conosciuta come Intel CULV (Consumer Ultra Low Voltage).

Il refresh dei chip Intel per computer ultraportatili è stato ufficialmente pianificato per il 30 marzo. Con i processori Intel Core 2 Duo SU9600 e Core 2 Solo SU3500, già preannunciati durante la fine del mese di febbraio scorso, saranno lanciate altre tre soluzioni: Intel Core 2 Duo SP9600, Core 2 Duo SL9600, e Celeron ICP900. Core 2 Duo SP9600 ed SL9600 avranno un costo di 316 dollari (relativo a volumi di 1000 unità); Core 2 Duo SU9600, Core 2 Solo SU3500 e Celeron ICP900 saranno venduti rispettivamente al prezzo di 289, 262 e 70 dollari.

Intel Mobile ULV

Il top di gamma Core 2 Duo SP9600 da 2.53GHz si avvarrà di 6MB di cache L2, avrà un FSB da 1066MHz ed un TDP pari a 25W, proprio come la versione per notebook di stazza maggiore Core 2 Duo P9500, contraddistinto tuttavia da un form factor differente. Core 2 Duo SL9600 avrà invece un clock di 2.16GHz, 6MB di cache L2, FSB da 1066MHz, ed un TDP di 17W; le specifiche di SU9600 e SU3500, con TDP rispettivamente di 10W e 5.5W, sono state confermate. Celeron ICP900 rappresenterà infine la soluzione entry level del nuovo lineup: si tratterà di un chip economico single core con 2.2GHz di clock, 1MB di cache L2, FSB da 800MHz, ed un TDP di 35W, che lo rende sicuramente poco consono a sistemi che necessitano di una autonomia superiore alla media.

Stando a fonti "molto vicine ad Intel", il lineup in questione non dovrebbe avere nulla a che vedere con i chip Intel CULV (attesi per l'estate) per subnotebook ultrasottili consumer, e dovrebbe essere dedicato al settore dei "Thin & Light" tradizionali. Tale affermazione stona tuttavia con quanto detto fino ad ora: alcuni prodotti presentati durante il CeBIT come soluzioni Intel CULV, utilizzavano infatti processori appartenenti al refresh annunciato per il 30 marzo.

 

Commenti