ImageAncora conferme sulla presenza del nuovo subnotebook ultrasottile Apple MacBook al MacWorld Conference & Expo di San Francisco. E, in aggiunta, anche i trackpad multitouch.

Continuano a trapelare indiscrezioni sui nuovi ultra-portatili Apple MacBook, che, nelle previsioni dei siti di rumors e nelle speranze degli appassionati, dovrebbero essere presentati durante il keynote di apertura del MacWorld di San Francisco, fra meno di due settimane.

Mockup di notebook ultrasottile Apple
Mockup di notebook ultrasottile Apple
In particolare, i ragazzi di MacRumors sostengono di aver ricevuto una importante conferma: il 15 Gennaio, al Moscone Center di San Francisco, ci saranno i nuovi subnotebook Apple di cui si è tanto discusso nei mesi passati. Confermando quanto era trapelato in precedenza, i nuovi notebook ultraleggeri della Casa della Mela morsicata avranno uno spessore da record che, però, non consentirà di dotarli di un drive ottico interno. Apple comunque fornirà un masterizzatore DVD esterno.

Ma non è l’unica novità in vista: sembra, infatti, che uno o più notebook Apple attualmente in commercio (non si sa se dellaserie consumer MacBook o della serie professionale MacBook Pro) potranno essere aggiornati con l'adozione di un “trackpad multi-touch”. Quindi, dopo l’iPhone e il nuovo iPod Touch, Apple si appresta ad integrare la tecnologia multitouch anche sui propri computer portatili. La notizia anche se sarebbe avallata dalla pubblicazione di una domanda di brevetto, non è stata però ancora confermata.

Le incessanti voci di corridoio che hanno coinvolto i nuovi MacBook non fanno che aumentare la nostra curiosità. Multitouch, schermo retroilluminato a LED, disco allo stato solido (SSD)... le premesse per la nascita di un nuovo notebook che possa diventare un punto di riferimento nel segmento mobile non mancano di certo. Non ci resta che augurarci che Apple accontenti le nostre aspettative.

Appuntamento al 15 Gennaio, San Francisco.

 

Google News
Le notizie e le recensioni di Notebook Italia sono anche su Google News. Seguici cliccando sulla stellina

Commenti