Home News HP, Dell e Toshiba: richiamate 100.000 batterie Sony difettose

HP, Dell e Toshiba: richiamate 100.000 batterie Sony difettose

HP, Dell e Toshiba: richiamate 100.000 batterie Sony difettose I produttori Hewlett-Packard, Dell e Toshiba hanno avviato una campagna di richiamo per una partita di 100.000 batterie Sony difettose, che potrebbero causare seri problemi di surriscaldamento sui notebook nei quali sono alloggiate.

A distanza di due anni dallo scandalo che colpì il produttore giapponese Sony, è tornato alla ribalta l'incubo delle batterie difettose ed esplosive; le americane HP e Dell e la giapponese Toshiba hanno infatti messo in moto una procedura di richiamo per 100.000 batterie difettore prodotte sa Sony nel periodo compreso tra il mese di ottobre del 2004 ed il mese di giugno del 2005. Si tratta di una cifra sicuramente esigua rispetto ai 9,6 milioni di batterie difettose richiamate nel 2006, ma la U.S. Consumer Product Safety Commission sembra non avere intenzione di sottovalutare la situazione, e ha raccomandato ai possessori di notebook a rischio di agire senza indugio: "I consumatori dovrebbero interrompere immediatamente l'utilizzo dei prodotti richiamati."

HP, Dell e Toshiba: richiamate 100.000 batterie Sony difettose

Secondo Sony sarebbero almeno 40 i casi accertati di surriscaldamento, dovuti sia ad eventuali defezioni qualitative dei materiali grezzi, sia a causa di svariate modifiche che furono apportate nel periodo incriminato alla linea di produzione. Già nel corso del 2007 vi erano stati richiami minori da parte di Toshiba, mentre nel 2008 Sony con Apple ha dovuto risarcire una coppia giapponese che a causa dell'esplosione di un MacBook Pro subì ustioni e disagi. Le batterie difettose saranno identificabili tramite il codice a barre: ci si dovrà rivolgere al produttore se esso inizierà per "A0", "L0", "L1" o "GC".

Delle 100.000 batterie a rischio, 35.000 sono state vendute con i loro notebook negli Stati Uniti, e di esse sono ben 32.000 quelle distribuire assieme a macchine HP appartenenti alle serie Pavilion dv1000, dv8000 e zd8000, Compaq Presario v2000 e v2400, Compaq nc6110, nc6120, nc6140, nc6220, nc6230,nx4800, nx4820, nx6110, nx6120 e nx9600. I notebook Toshiba a rischio, con 3000 batterie difettose, appartengono invece alle serie Satellite A70/A75, P30/P5, M30X/M35X e M50/M55, Tecra A3, A5 e S2, mentre per quanto riguarda Dell le batterie difettose si identificano nel modello "OU091", venduto con i computer Latitude 110L ed Inspiron 1100, 1150, 5100, 5150,5160.

Le restanti 65.000 batterie difettose riguardano invece il mercato giapponese (2.000) asiatico ed europeo (63.000), per i quali si attende a breve una nota di richiamo che aiuterà gli utenti ad identificare i modelli a rischio.

 

Commenti (2) 

RSS dei commenti
quando sapremo qualcosa per l'Italia? il mio notebook potrebbe rientrare.. :cry:  
0

artic

ottobre 31, 2008

Ma non ho capito il perchè queste batterie prodotte 3 anni fa danno problemi adesso, il che potrebbe essere normale, dato che una batteria al litio dopo 3 anni incomincia ad usurarsi. :?: :?: :?:  
0

icarius

ottobre 31, 2008

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy