Gli smartbook sorpasseranno i netbook nel 2012Benché allo stato attuale lo share di dispositivi ARM-powered sia quasi nullo nel segmento dei netbook, c'è chi scommette che grazie al successo degli smartbook la situazione cambierà radicalmente nei prossimi anni.

Robert Castellano, analista della compagnia di ricerche di mercato “The Information Network” della Pennsylvania, non ha dubbi: ARM conquisterà gran parte del mercato di netbook/smartbook nel giro di tre anni.

ARM Cortex A9

Come sappiamo, allo stato attuale il segmento dei mini-notebook è “monopolizzato” dalle soluzioni Intel, che possono vantare un controllo del 94 percento del mercato con un numero di unità vendute per il 2009 stimato a 22,1 milioni. I cosiddetti “smartbook”, equipaggiati con hardware sviluppato da ARM, per la fine dell'anno non arriveranno al milione e mezzo di unità vendute: in questo scenario, come è possibile pensare ad un sorpasso delle soluzione ARM nei confronti degli Atom di Intel?

Castellano sostiene che saranno i processori ARM ad avvantaggiarsi dell'attuale ciclo tecno-economico. Le soluzioni smartbook si differenzierebbero per maggiore economicità (fascia di prezzo sotto i $200) e autonomia rispetto alle controparti netbook, dovendo “solo” sacrificare il supporto a Windows in favore di sistemi operativi come Linux o Chrome. A portare ulteriore acqua al mulino di ARM sarà il trend crescente dell'offerta di mini-computer con contratti legati a servizi 3G e cloud computing, applicazioni in cui dimensioni più contenute e maggiori autonomie operative sono senza dubbio desiderabili.

ARM Cortex A9

Benché le previsioni di Castellano per la crescita del mercato netbook nel 2010 siano più rosee di quanto previsto da alcuni osservatori asiatici, a detta dell'analista la crescita degli smartbook ARM-powered sarà esponenziale, raggiungendo l'incredibile numero di 52,9 milioni di unità vendute nel 2012 contro i 43,2 milioni di netbook Intel.

Quelle di Robert Castellano sono previsioni di mercato a lungo termine che non possono essere sottovalutate, specie se consideriamo che più osservatori indipendenti sono pronti a scommettere in una contrazione della crescita del settore netbook ad opera degli stessi produttori e distributori nel tentativo di migliorare i margini di guadagno con notebook più costosi. Al momento però le possibilità di ARM sono comunque difficilmente valutabili, e siamo certi che si potrà avere un quadro più definito del futuro prossimo delle soluzioni di mobile computing una volta che il settore degli smartbook avrà avuto modo di svilupparsi e di fornire un'offerta più ampia su vasta scala.

 

Commenti