Fuga dal MWC 2020: quali aziende hanno rinunciato? Elenco aggiornatoCome forse ormai saprete, a pochi giorni dall'inizio del MWC 2020 di Barcellona, alcune aziende hanno ritirato la propria partecipazione per la sicurezza e salute dei propri dipendenti. Ecco l'elenco completo e aggiornato.

Il Mobile World Congress (MWC) rappresenta la settimana più importante dell'anno per il mondo mobile, ma lo spettro del coronavirus e le relative restrizioni a viaggi/spostamenti hanno portato molta incertezza nella solita fibrillante atmosfera pre-fiera che si respira nel mese di febbraio. Mancano pochissimi giorni all'inizio del MWC 2020 di Barcellona - che quest'anno si terrà dal 24 al 27 febbraio - ma già sappiamo che quest'edizione sarà molto diversa dalle altre, se mai si terrà. E per ora l'appuntamento sembra confermato anche se - dalle ultime indiscrezioni - l'ente organizzatore si riserva di prendere la decisione definitiva venerdì 14 febbraio.

[Aggiornamento 12 febbraio, ore 19.30] GSMA ha ufficialmente cancellato il MWC 2020 per salvaguardare la sicurezza e la salute degli operatori di settore e del pubblico. Tutte le attività e gli eventi correlati (Showstopper e Digital Focus) sono quindi annullati per quest'anno.

MWC 2020

Per mettere un po' di ordine e fare il punto della situazione, abbiamo deciso di elencare le aziende che hanno deciso di abbandonare la fiera spagnola o confermare la partecipazione seppur ridotta. Qui sotto trovate i comunicati ufficiali e le note stampe inviate alla nostra redazione in ordine di tempo, inclusa la dichiarazione rilasciata dal GSMA (organizzatore del MWC) con gli accorgimenti adottati per proteggere la salute dei partecipanti in questa edizione della fiera che possiamo considerare "davvero speciale".

Vi ricordiamo che - nel 2019 - al Mobile World Congress hanno partecipato 109 mila persone provenienti da 198 Paesi, di cui il 6% dalla Cina e il 16% dall'area Asia-Pacifico. Quest'anno, stando alle prime stime rilasciate dal GSMA, saranno presenti "più di 2800 espositori" ma la lista è in continuo aggiornamento.

Partecipazione confermata

  • Huawei
  • OPPO
  • Xiaomi
  • Realme

Partecipazione (senza conferenza stampa)

  • TCL/Alcatel
  • ZTE

Annullamento

  • Amazon
  • ASUS
  • Sony
  • NVIDIA
  • LG
  • Ericsson
  • Gigaset
  • Intel
  • NTT DoCoMo
  • Ulefone
  • UMIDIGI
  • Vivo
  • Mediatek
  • Cisco
  • Facebook
  • McAfee
  • Royole
  • HMD Global

13 febbraio

A poche ore dall'annuncio della cancellazione del MWC 2020 dal parte della GSMA, le poche aziende che avevano confermato la propria presenza all'evento, sono state costrette ad annullare tutti i programmi. Qui di seguito le note ufficiali:

OPPO rispetta e comprende la decisione di GSMA di cancellare il MWC Barcelona 2020. Dopo un’attenta analisi, OPPO ha deciso di posticipare l’evento globale dedicato a OPPO Find X2, originariamente previsto per il 22 febbraio, nel mese di marzo con data da definirsi. Vi ringraziamo per il continuo supporto e per la comprensione, vi terremo aggiornati riguardo a tutte le novità relative al lancio del nostro Flagship 5G.

Xiaomi rispetta e comprende  la decisione del GSMA di cancellare il Mobile World Congress 2020 a Barcelona. Dato che la sicurezza dei dipendenti, dei partner, dei media e degli ospiti di Xiaomi è la nostra massima priorità, abbiamo deciso di posticipare il lancio globale dei nuovi flagship Mi 10 previsto per il 23 febbraio. Sarà organizzato, in una data ancora da definire, un evento di lancio in Europa, dove condivideremo informazioni sulla serie Mi 10 e sui prodotti ecosystem.

Desideriamo comunicarti che abbiamo deciso di annullare l'evento di Motorola di domenica 23 febbraio. Abbiamo preso questa decisione a seguito della cancellazione dell'evento MWC da parte dell’associazione GSMA. Ci dispiace non incontrarti a Barcellona, presto condivideremo ulteriori dettagli sui nostri prossimi lanci”.

Anche Realme cancella la sua partecipazione al MWC 2020 e conferma il lancio del Realme X50 Pro 5G sarà comunque lanciato il 24 febbraio, ma online, in streaming da Madrid.

Il Pepcom comunica che l'evento Digital Focus è cancellato.

12 febbraio

Nonostante la minaccia del coronavirus, Realme conferma la sua partecipazione al MWC 2020 ed annuncia il lancio del suo primo smartphone 5G con Snapdragon 865 5G, Realme X50 Pro 5G.

HMD Global si unisce alla cordata di aziende in fuga dal MWC 2020 e rilascia un comunicato stampa che non lascia spazio a dubbi. "HMD Global, la casa dei telefoni Nokia, ha monitorato attentamente l’evoluzione dell’epidemia di Covid-19 e, dopo attenta valutazione, ha deciso di annullare la partecipazione al MWC 2020 di Barcellona. 

Il MWC è da sempre un evento chiave del calendario annuale ed eravamo davvero entusiasti di mostrare i nostri nuovi prodotti a partner, clienti, media e appassionati. Tuttavia, la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, clienti e di tutte le altre parti coinvolte è la nostra priorità assoluta.

Riteniamo che la decisione più prudente sia quella di annullare la nostra partecipazione al Mobile World Congress e vogliamo esprimere i nostri sinceri ringraziamenti al GSMA e alle altre autorità per i loro instancabili sforzi nel far fronte alle sfide legate al Covid-19. Desideriamo sottolineare come essi abbiano il nostro pieno sostegno in tal senso. Terremo aggiornati media, partner e clienti sulle nuove tempistiche di annuncio dei nuovi prodotti."

Anche se la decisione finale sarà presa venerdì 14 febbraio, l'ente organizzatore del MWC 2020 ha convocato una riunione di emergenza nel pomeriggio del 12 febbraio, in cui emerge chiaramente una linea: il GSMA vorrebbe annullare l'edizione 2020 della fiera di Barcellona ma - per contenere i danni (economici) - chiede l'intervento del governo spagnolo affinché dichiari "lo stato emergenza sanitaria". Continuiamo ad attendere.

11 febbraio

Non c'è ancora l'ufficialità ma ViVO starebbe per annullare il lancio del suo nuovo concept phone Apex 2020, in seguito alle preoccupazioni per la salute e la sicurezza dei suoi dipendenti e del pubblico. Anche MediaTek avrebbe le stesse intenzioni.

Intel ha annunciato: "La sicurezza e la salute dei nostri dipendenti e partner è per noi di massima priorità, quindi abbiamo deciso di ritirarci dal Mobile World Congress di quest’anno". Probabilmente Santa Clara farà comunque degli annunci, ma non ci saranno demo ed esposizioni in fiera.

Con una breve nota ufficiale, ShowStoppers conferma che terrà l'evento stampa in occasione del MWC di Barcellona. Gli organizzatori continueranno a monitorare le notizie e seguiranno i consigli sulla salute e la sicurezza dell'Organizzazione mondiale della sanità, delle autorità spagnole, della GSMA, delle compagnie aeree e di altri enti, nonché del governo cinese e di altri paesi.

La lista si allunga con le defezioni di Facebook, Cisco e McAfee che in queste ultime ore hanno rilasciato delle brevissime dichiarazioni sull'argomento.

In tarda serata, arriva anche la rinuncia di Royole: "Considerando la sicurezza e il benessere dei nostri dipendenti, partner e clienti una nostra priorità, quest'anno abbiamo preso la difficile decisione di ritirare la nostra partecipazione dal MWC. È un peccato non poter partecipare e non poter utilizzare questa fiera per mostrare il nuovo smartphone pieghevole, il FlexPai 2, che invece annunceremo al mondo tra qualche giorno".

10 febbraio

Si fa sentire anche Xiaomi, ma per confermare la sua presenza: "Data l’attuale situazione creatasi a causa del coronavirus, Xiaomi desidera informare i fan, i media, i partner e gli utenti che la salute e la sicurezza di tutti sono una priorità assoluta per l’azienda. Xiaomi, conferma la propria partecipazione, come previsto, al MWC Barcellona 2020 durante il quale saranno annunciati nuovi smartphone e nuovi prodotti smart hardware. Xiaomi si impegna a contenere l’attuale epidemia seguendo tutte le efficaci misure di prevenzione raccomandate per salvaguardare la salute e il benessere dei propri dipendenti, fan, media, partner e utenti che parteciperanno al MWC.

Per questo motivo, l’azienda ha messo in atto ulteriori provvedimenti e istruzioni da adottare durante la conferenza stampa che si terrà domenica 23 febbraio così come presso lo stand situato al Padiglione 3, 3D10, presso Fira de Barcelona Gran Vía, dal 24 al 27 febbraio.

  • Xiaomi si assicurerà che tutti i dipendenti in viaggio dalla Cina non mostrino alcun sintomo e che, prima del loro arrivo a Barcellona, abbiano trascorso almeno un periodo di 14 giorni fuori dalla Cina.
  • Xiaomi si assicurerà che tutti i Manager dell’azienda che parteciperanno alle attività e ai meeting previsti durante il MWC abbiano trascorso un periodo di 14 giorni fuori dalla Cina.
  • Xiaomi seguirà le linee guida di GSMA, inclusa la politica “no-handshake”. Inoltre, saranno intensificate le misure igienico-sanitarie e saranno distribuite forniture protettive ai visitatori, nel tentativo di salvaguardare la salute di tutti.
  • Xiaomi si assicurerà che tutto il personale presente presso lo stand provenga dai propri uffici dislocati in Europa. Anche per loro, l’azienda si accerterà che non mostrino sintomi nei 14 giorni prima del supporto sul campo al MWC.

Anche TCL torna sui suoi passi e rilascia un comunicato ufficiale: "Considerati i recenti problemi di salute globali dovuti alla diffusione del virus 2019-nCoV e per l’abbondanza di cautele e cure per il nostro personale, i clienti, la stampa e altri ospiti, TCL Communication sta cancellando il suo evento stampa globale per MWC 2020, che era previsto per il 22 febbraio 2020. Questa decisione non ha alcun impatto sulle altre attività MWC 2020 pianificate dalla società e TCL annuncerà ancora i suoi ultimi dispositivi mobili e li mostrerà al suo stand nella Fiera Gran Via – Padiglione 3, Stand 3D11 – da 24-27 febbraio come da programma.”

Dopo le restrizioni imposte da GSMA, che ha vietato l'accesso a chiunque sia stato in Cina nei 14 giorni precedenti, la lista si allunga con le defezioni di alcune aziende cinesi, costrette a rinunciare: Gigaset, UMIDIGI, Ulefone, Panorama Software, RADWIN, CommScope, Amdocs e Coosea Group. Tra queste spicca anche la giapponese NTT DoCoMo.

Sony annulla la partecipazione. "Sony ha monitorato attentamente la situazione in evoluzione a seguito del nuovo focolaio di coronavirus, che è stato dichiarato un'emergenza globale dall'Organizzazione mondiale della sanità il 30 gennaio 2020. Dato che attribuiamo la massima importanza alla sicurezza e al benessere dei nostri clienti, partner, media e dipendenti, abbiamo preso la difficile decisione di ritirarci dal MWC 2020 di Barcellona, in Spagna. La conferenza stampa di Sony si svolgerà invece all'ora prevista alle 8:30 (CET) del 24 febbraio 2020 sul nostro canale YouTube Xperia".

09 febbraio

GSMA rilascia la sua dichiarazione ufficiale, confortante ma non convincente con il "divieto della stretta di mano". Qui trovate la versione integrale, ma vi riportiamo alcuni passaggi sulle "restrizioni e le buone pratiche studiate dall'ente organizzatore della fiera con le autorità sanitarie spagnole, i partner della città ospitante e altre agenzie specializzate:

  • A tutti i viaggiatori della provincia di Hubai non sarà consentito l'accesso all'evento o MWC Barcelona, ​​Four Years From Now (4YFN), xside e YoMo
  • Tutti i viaggiatori che sono stati in Cina dovranno dimostrare di essere stati fuori dalla Cina 14 giorni prima dell'evento (timbro del passaporto, certificato sanitario)
  • Verrà implementato lo screening della temperatura
  • I partecipanti dovranno autocertificare di non essere stati in contatto con nessuno infetto"

Resta da chiedersi quanto siano efficaci queste misure considerando che la dichiarazione è stata rilasciata esattamente 13 giorni prima dell'inizio ufficiale della fiera (ma tutti sappiamo che il MWC inizia almeno 2-3 giorni prima) ed il periodo di incubazione sembra duri 24 giorni. Sull'autocertificazione, poi, ci sono più dubbi che certezze.

Amazon si tira fuori. In una dichiarazione alla stampa spagnola, un portavoce di Amazon Web Services comunica: "A causa dell'epidemia del coronavirus, Amazon si ritirerà dal Mobile World Congress 2020, in programma dal 24 al 27 febbraio a Barcellona, ​​Spagna“. C'è da aggiungere che la presenza di Amazon in fiera è sempre stata molto limitata e maggiormente orientata ai partner.

08 febbraio

Viavi Solutions si ritira dal MWC 2020. "Dopo aver esaminato tutti i dati disponibili, Viavi Solutions ha scelto di annullare la partecipazione al MWC di Barcellona di quest'anno per la grande attenzione e preoccupazione per i nostri dipendenti, clienti e partner. Viavi Solutions rimane entusiasta della sua potente suite di soluzioni 5G, per cui contatteremo i clienti e le altre parti interessate per mostrare in altri incontri il nostro portafoglio in espansione."

07 febbraio

NVIDIA si defila. "Abbiamo informato il GSMA, gli organizzatori del MWC di Barcellona, che non invieremo i nostri dipendenti all'evento di quest'anno. Considerati i rischi per la salute pubblica a causa del coronavirus, garantire la sicurezza dei nostri colleghi, partner e clienti è la nostra massima priorità. Il MWC di Barcellona è una delle più importanti conferenze tecnologiche del mondo. Non vedevamo l'ora di condividere il nostro lavoro in ambito IA, 5G e vRAN con l'intero settore. Siamo spiacenti per la mancata partecipazione, ma siamo convinti che questa sia una decisione obbligata, date le circostanze. Siamo grati per al GSMA e alle continue iniziative per garantire la sicurezza di tutti i partecipanti."

ASUS si aggiunge agli abbandoni. "Considerata la situazione attuale, il team ASUS EMEA Mobile ha deciso di cancellare la sua partecipazione al prossimo MWC 2020".

Ericsson abbandona la fiera, con il suo stand di oltre 6000 m2, perché "non vuole correre rischi". L'azienda - che era ritenuta il secondo espositore più grande del MWC 2020 - si impegna ad organizzare una serie di eventi locali per partner/clienti per mostrare le novità che avrebbe presentato a Barcellona.

05 febbraio

ZTE ha annullato la sua conferenza stampa, ma ha confermato la presenza in fiera. "Una serie di nuovi terminal devices 5G saranno presentati al Mobile World Congress 2020 tra cui: il new – generation Smartphone 5G ZTE Axon, prodotti diversificati 5G MBB come 5G CPE, 5G Module, Inoltre, ZTE introdurrà anche l’ultimo prodotto ZTE Blade, così come altre tecnologie leader del settore, che daranno ai consumatori la prospettiva di una vita più intelligente e connessa nell’era 5G. Con il tema “Towards 5G Business Success”, ZTE si impegnerà a dimostrare i suoi straordinari risultati nelle innovazioni 5G e nelle soluzioni 5G end-to-end dalle due dimensioni di “5G Networking Practice” e “5G Business Exploration”. Dal 24 al 27 febbraio, ZTE sarà al Mobile World Congress 2020 al 3F30, Padiglione 3, FIRA GRAN VIA. Vi invitiamo a venirci a trovare."

"LG Electronics sta monitorando attentamente la situazione relativa alla epidemia di coronavirus, dichiarata recentemente emergenza globale dall'Organizzazione Mondiale della Sanità a seguito della sua diffusione al di fuori della Cina. Poiché la sicurezza di dipendenti, partner e clienti è una priorità per LG, l’azienda ha deciso di ritirarsi e di non partecipare al MWC 2020 che si terrà a Barcellona, in Spagna, alla fine di questo mese. Questa decisione azzera il rischio di esporre centinaia di dipendenti di LG a viaggi internazionali, data la situazione sempre più restrittiva dovuta alla continua diffusione del virus. In alternativa alla partecipazione al MWC, LG organizzerà nel prossimo futuro degli eventi dedicati per annunciare i nuovi prodotti mobile 2020. LG Electronics ringrazia i suoi sostenitori e il pubblico per la comprensione in questo momento difficile e impegnativo."

HMD Global, la casa dei telefoni Nokia, ha monitorato attentamente l’evoluzione dell’epidemia di Covid-19 e, dopo attenta valutazione, ha deciso di annullare la partecipazione al MWC 2020 di Barcellona.

 

Il MWC è da sempre un evento chiave del calendario annuale ed eravamo davvero entusiasti di mostrare i nostri nuovi prodotti a partner, clienti, media e appassionati. Tuttavia, la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, clienti e di tutte le altre parti coinvolte è la nostra priorità assoluta.

Riteniamo che la decisione più prudente sia quella di annullare la nostra partecipazione al Mobile World Congress e vogliamo esprimere i nostri sinceri ringraziamenti al GSMA e alle altre autorità per i loro instancabili sforzi nel far fronte alle sfide legate al Covid-19. Desideriamo sottolineare come essi abbiano il nostro pieno sostegno in tal senso.



Terremo aggiornati media, partner e clienti sulle nuove tempistiche di annuncio dei nuovi prodotti.

Commenti