Home Recensioni Recensione Packard Bell EasyNote XS

Recensione Packard Bell EasyNote XS

Packard Bell XSPackard Bell EasyNote XS è un netbook basato sul design di riferimento VIA Nanobook, con processore VIA C7-M ULV, e caratterizzato da una serie di soluzioni tecniche inconsuete ed innovative.

Prima di addentrarci nell'esame delle caratteristiche tecniche del laptop low-cost Packard Bell EasyNote XS, è necessaria una veloce digressione sulla piattaforma VIA Nanobook, dalla quale deriva.

Packard Bell EasyNote XS netbook

Nel corso del Computex 2007, VIA aveva ridefinito il concetto di portabilità, lanciando un subnotebook piccolo e leggero, anche nel prezzo. L’azienda taiwanese, negli ultimi anni, si era specializzata nella produzione di processori a basso consumo, destinati prevalentemente ai desktop ultracompatti (SFF, Small Form Factor), ma adottati con successo anche in molti UMPC. Da qui all'ingresso nel neonato mercato dei computer portatili a basso costo, il salto era stato breve.

L’obiettivo era quello di costruire un notebook da un chilogrammo di peso, che consentisse la fruizione delle più comuni applicazioni, come la suite Office, di accedere alla posta elettronica e di navigare su Internet, su sistema operativo Microsoft Windows.

La risposta era stata VIA Nanobook, la prima piattaforma ultramobile "open source". Più che di una piattaforma nell'accezione usata da Intel (piattaforma chiusa) o da AMD (piattaforma aperta), infatti, VIA Nanobook è un "design di riferimento", uno schema che le terze parti (tipicamente i produttori OEM) possono modificare secondo le proprie idee ed esigenze.

Packard Bell è stata una delle prime società ad utilizzare il design VIA Nanobook per il suo laptop EasyNote XS, seguita da Everex con il suo Cloudbook negli Stati Uniti agli inizi del 2008. Packard Bell XS ha debuttato ufficialmente in occasione della fiera dell’elettronica mobile, IFA 2007, per essere dopo qualche settimana introdotto sul mercato europeo, ed in particolare italiano.

"Questo notebook è la soluzione ideale per tutti coloro che vogliono rimanere connessi in modo semplice e immediato”, ha sottolineato Marco Cappella, Amministratore Delegato Packard Bel Italia. "Ha tutte le funzionalità di un notebook, ma è molto più piccolo."

Image

Secondo quanto riportato sul listino di Agosto, Packard Bell EasyNote XS è disponibile presso i negozi e i rivenditori autorizzati, o semplicemente presso lo store online ufficiale dell’azienda, ad un prezzo di 479 euro (IVA inclusa). Il modello in vendita, EasyNote XS20-014, coincide con il sample in nostro possesso. Sinteticamente, la dotazione tecnica comprende uno schermo da 7 pollici, un processore VIA C7-M a 1.2GHz, 1GB di RAM, 30GB di hard disk SATA (5400rpm), WLAN 802.11ag, Ethernet LAN 10/100, webcam e sistema operativo Windows XP. Per proteggerlo da urti e graffi, viene fornito con un’elegante custodia.


Commenti (6) 

RSS dei commenti
ma perchè non ci sono più recensioni di notebook ma solo netbook?  
0

lepper

agosto 30, 2008

coincidenza, comunque il Panasonic Toughbook non è certo un netbook...
ad ogni modo stanno per arrivare un bel po' di recensioni di notebook, e di netbook anche :lol: perche' no...  
0

Staff

agosto 30, 2008

Io ho la risposta...!!!
Perchè c'è punto o nulla da recensire!
Vedi per caso Centrino 2 in giro?! Io nemmeno col binocolo.
Se escludiamo Santech, Cizmo &C. le uniche recensioni che potrebbero essere interessanti ora come ora potrebbero essere quelle del Vaio FW e di HP dv5. Per il resto è tabula rasa: Vedi Dell e Asus...e non è che Toshiba e Acer stiano facendo miracoli! Il mercato è praticamente bloccato da mesi! Triste a dirsi ma è così. Personalmente dovessi fare una recensione (e non so farla) non saprei proprio che pesci pigliare. In questo deserto di proposte i Netbook (che io non digerisco) sono una manna! Che tristezza aggiungerei...  
0

Mandi

agosto 30, 2008

io mi ero dato come risposta il fatto che le grandi case produttrici si stanno orientando verso i netbook e gli ultra portatili....aggiungerei anche il dell studio che pur essendo santa rosa è uscito da poco....se posso suggerirei alla redazione di fare un test tra le prestazioni della piattaforma santa rosa e centrino 2....ne ho lette alcune su dei siti americani e uno italiano e non ci sono grosse differenze....vorrei vedere se anche voi la pensate così...smilies/smiley.gif  
0

lepper

agosto 31, 2008

OK lepper,grazie per il suggerimento, vediamo cosa si può fare  
0

Staff

agosto 31, 2008

Ribadisco: il ritardo di C2 è imbarazzante. E se è perchè le case hanno destinato molte energie allo sviluppo di Netbook beh, credo che abbiano sbagliato qualcosa. Ma questo è un mio punto di vista.  
0

Mandi

agosto 31, 2008

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy