Home News Seagate non crede nei dischi SSD sui notebook

Seagate non crede nei dischi SSD sui notebook

ImageBill Watkins, ad Seagate, ha scarsa fiducia nel successo dei dischi SSD sui notebook Per un paio di ragioni: sarebbero troppo costosi in confronto ai benefici e violerebbero alcuni brevetti di seagate e Western Digital.

Una serie di news sta facendo vacillare la nostra ferma convinzione nei vantaggi dei dischi allo stato solido (SSD) nei confronti degli hard disk tradizionali. Prima la società di analisi di mercato Avian Securities pubblica uno studio in cui evidenzia una percentuale di difettosità dei drive SSD dieci volte superiore a quella degli hard disk tradizionali, anche se poi smantellato da Dell, ora è l'amministratore delegato di Seagate a schierarsi contro i solid state drive.

{multithumb}

Disco SSD Seagate
Disco SSD Seagate
Seagate è stata una delle ultime aziende a rassegnarsi alla transizione ai drive SSD. Oggi DailyTech riporta una serie di dichiarazioni del suo amministratore delegato, Bill Watkins, destinate ad alimentare i dubbi circa l'effettiva utilità sui computer portatili di questi dispositivi.

"Sinceramente, non credo che i notebook con flash-drive incorporato venderanno," ha commentato Watkins. "Semplicemente non vedo che utilità possano avere." Indubbiamente Watkins esprime un parere parziale perché la sua società ha una leadership di mercato nel settore degli hard disk per notebook a piattelli magnetici, mentre è in ritardo nello sviluppo di dischi SSD.

C'è un'altra ragione dietro la ferma convinzione di Watkins che i dischi SSD sui notebook saranno un insuccesso: le cause legali. L'amministatore delegato di Seagate, infatti, è convinto che i produttori di drive SSD abbiano violato alcuni brevetti registrati dalla sua società e da Western Digital, e relativi al modo con cui i dispositivi di storage comunicano con il PC.

Forse, però, l'intervento di Watkins è tardivo: i dischi SSD sono già penetrati profondamente nel mercato dei notebook, equipaggiano una varietà di modelli di marche diverse e di differenti fasce di prezzo, dal MacBook Air all'Asus Eee PC, il loro prezzo diminuisce del 40-50% ogni anno e presto saranno alla portata dei budget della maggior parte dei consumatori.