Samsung Gear 2 e Gear 2 Neo: primo contattoSamsung ha approfittato della cornice del Mobile World Congress per presentare anche i suoi due nuovi smartwatch, Gear 2 e Gear 2 Neo. I due nuovi orologi possono comunque contare su prestazioni migliori, un'ergonomia rivista, una maggior autonomia ed un nuovo sistema operativo, Tizen OS.


Il primo Samsung Galaxy Gear ha incuriosito pubblico ed esperti del settore, ma ha anche ampiamente deluso per alcuni difetti di "gioventù". Il colosso coreano, che invece evidentemente negli smartwatch ci crede, ha deciso di rinnovare la sua gamma di wearable lanciando i nuovi Samsung Gear 2 e Gear 2 Neo, che a differenza della precedente generazione perdono il brand Galaxy e Android, passando a Tizen OS. In realtà per l'utente cambia poco a livello di esperienza e funzionalità offerte, perché l'interfaccia è identica e solo con un confronto diretto è possibile notare le piccole differenze estetiche e funzionali del nuovo sistema operativo. In compenso, il colosso coreano guadagna molto più controllo sull'OS, contenendo anche il prezzo del propri dispositivi.

Il primo Galaxy Gear era un prodotto ottimamente realizzato ma era grosso, pesante e ingombrante. I nuovi Gear 2 e Gear 2 Neo invece sono altrettanto ben realizzati ma più snelli e leggeri (Gear 2 pesa 68 grammi e misura 36.9 x 58.4x 10 mm, mentre Gear 2 Neo pesa 55 grammi e misura 37.9 x 58.8 x 10 mm). Samsung inoltre questa volta ha aggiunto un pulsante fisico sotto al display per avviare un'app prestabilita dall'utente ed ha integrato anche la fotocamera nella scocca, spostandola così dal cinturino, tornato quindi di dimensioni standard ed intercambiabile (sarà disponibile in diversi colori).

Samsung Gear 2

Samsung Gear 2 Samsung Gear 2

Infine la cassa dell'orologio è ora rispondente allo standard IP67 per quanto riguarda la resistenza alle infiltrazioni di liquidi. Lo schermo invece è lo stesso del vecchio Galaxy Gear, vale a dire da 1.63 pollici Super AMOLED, con risoluzione di 320 x 320 pixel, ma all'interno il processore single core da 800 MHz ha lasciato il posto a un più performante dual core da 1 GHz, affiancato da 512 MB di RAM e 4 GB di memoria interna, da un modulo Bluetooth 4.0 e da una porta infrarossi che consente di utilizzare l'orologio come telecomando universale per la TV o per altri dispositivi, anche grazie al software WatchON.

Infine la batteria da 300 mAh dovrebbe essere sufficiente per garantire 3 giorni di autonomia con un uso normale. Interessante anche la decisione di rendere il Gear un po' più indipendente dallo smartphone. Con i nuovi Gear 2 e Gear 2 Neo si riceveranno notifiche ma si potrà rispondere anche ad SMS e mail senza estrarre il cellulare dalla tasca, avviare app come meteo, calcolatrice e memo vocale e si potrà ascoltare la musica col nuovo player MP3, sia tramite lo speaker integrato che tramite un auricolare Bluetooth.

Samsung Gear 2 Neo

Samsung Gear 2 Neo Samsung Gear 2 Neo

Samsung ha poi anche integrato alcune funzionalità da fitness tracker. E' presente infatti un cardiofrequenzimetro, il cui sensore è alloggiato nella parte inferiore della cassa, quella che poggia sul polso, ma oltre a rilevare l'attività cardiaca i due smartwatch possono contare anche i passi. Chi desiderasse invece funzionalità più avanzate, potrà sempre installare l'app dedicata sullo smartphone, che in questo caso però dovrà essere connesso via Bluetooth. Gear 2 e Gear 2 Neo si distinguono tra di loro oltre che per il peso minore e l'assenza di fotocamera nel secondo, anche per la fattura, che nel Neo prevede l'utilizzo ancora più diffuso della plastica. Samsung non ha ancora reso noti i prezzi dei nuovi smartwatch, che arriveranno sul mercato il prossimo aprile.  

Commenti