Home Recensioni Recensione MSI X370 - Batteria e temperature

Recensione MSI X370 - Batteria e temperature

MSI X370: recensione del notebook AMD Fusion della serie XSlimMSI X370 è il nuovo notebook della serie X-Slim introdotto a listino dal gigante taiwanese. Piattaforma AMD Fusion, diagonale di 13.4 pollici, dimensioni compatte e una buona autonomia ne fanno il portatile ideale per chiunque necessiti di lavorare o spendere il proprio tempo libero in mobilità, senza per questo dover rinunciare alla qualità e a una buona potenza elaborativa.

Batteria e temperature

Il nostro test di durata della batteria ha fatto registrare un tempo di circa 195 minuti con la batteria standard a 4 celle. Ricordiamo che per l'analisi dell'autonomia dei notebook in prova ci serviamo di BAPCO MobileMark 2007, nello scenario Reader, lo stesso tool utilizzato da molte case produttrici. L'unica differenza è che il nostro test viene condotto adoperando qualsiasi accorgimento utile per aumentare la durata della batteria, tranne quelli che pregiudicano un uso confortevole della macchina (ad esempio manteniamo la luminosità dello schermo al massimo livello).

Batteria ai polimeri di Litio

Fatta questa premessa, il tempo misurato per lo X-Slim X370 è buono ma non troppo elevato, soprattutto vista la piattaforma hardware ad alta efficienza energetica. Per questo motivo quindi ci sentiamo di consigliare, a tutti coloro che dovessero avere necessità di un'autonomia superiore, di dotarsi subito della batteria opzionale da 8 celle, che sulla carta ha valori quasi doppi e dovrebbe quindi realisticamente raddoppiare anche l'operatività del notebook, avvicinandolo alle 10 ore dichiarate da MSI.

Temperature

Molto buone le temperature registrate durante lo stress test. Il processore infatti si è mantenuto in media attorno ai 65°C mentre l'hard disk si è fermato a circa 26° C. Questo vuol dire che il sistema di raffreddamento dedicato alla APU AMD fa il suo dovere e smaltisce efficacemente l'aria calda all'esterno del notebook. In questo modo non solo l'hardware non corre i rischi legati a un eccessivo surriscaldamento dei componenti, ma evita anche che il palm rest o il piano tastiera risultino eccessivamente caldi dopo lunghe sessioni di lavoro, mantenendo così un comfort d'uso accettabile anche dopo un utilizzo prolungato.