ImageUna notizia sta sconvolgendo tutti gli appassionati di notebook: Intel anticipa il lancio della piattaforma Centrino 2 (aka Montevina) a marzo! Sara' vero?

La notizia rimbalza sul forum di Notebookitalia proveniente dall'attendibile Punto Informatico: "Intel ha reso ufficiale che la sua piattaforma mobile di nuova generazione, precedentemente nota come Montevina, sarà commercializzata a fine marzo col nome di Centrino 2". Lo scoop anticipa di tre mesi il lancio di Centrino 2 rispetto alla data finora indicata (giugno 2008).

Risalendo a ritroso il flusso della corrente mediatica, scopriamo che prima di raggiungere gli schermi dei lettori italiani la sorprendente notizia era già circolata su popolari magazine on-line in lingua inglese. Grazie ad uno di questi, riusciamo a raggiungere la fonte originaria dell'informazione, CNet!

E su CNet scopriamo.... che è una bufala!

CNet non fa alcun accenno ad un possibile lancio anticipato della piattaforma Intel Centrino 2!
L'articolo, datato 5 marzo 2008, descrive la nuova piattaforma per notebook: in sintesi è la stessa notizia pubblicata da Notebookitalia il 27 febbraio, in cui viene mostrato il logo Centrino 2 e si riassumono le principali caratteristiche della nuova piattaforma, i processori Penryn a 45nm, il Front Side Bus, il chipset GM45 con grafica IGP Intel GMA X4500HD, etc..

L'articolo si conclude offrendo qualche informazione sui processori quad-core (per desktop!) Intel Core 2 Extreme QX9770 e sul chipset X48:

Intel also announced that it has begun shipping its Core 2 Extreme quad-core QX9770 and X48 Express chipset. The high-end 3.2GHz QX9770 processor integrates 12MB of L2 cache and uses a 1600MHz front-side bus.

"We are in production. The QX9770 will launch later this month," an Intel spokesperson said Wednesday.

A questo punto ci sembra di capire quale possa essere stato l'equivoco in cui sono incorsi i redattori: hanno attribuito le parole del portavoce di Intel sulla disponibilità a marzo dei processori QX9770 alla piattaforma Centrino 2!

Comunque, per non peccare di presunzione, abbiamo chiesto ad Intel un chiarimento al riguardo.

 

Commenti