Home News Computex 2014: Intel Core M (Broadwell), SoFIA e Devil's Canyon

Computex 2014: Intel Core M (Broadwell), SoFIA e Devil's Canyon

Computex 2014: Intel Core M (Broadwell), SoFIA e Devils CanyonNel corso del suo keynote al Computex 2014, Intel ha illustrato alcune novità per il prossimo futuro, da SoFIA, il suo primo SoC dedicato al mondo mobile con chip 4G integrato, fino ai Core i7 Devil's Canyon basati su un refresh di Haswell, passando per i nuovi processori Core M Broadwell.

"I confini tra categorie tecnologiche si stanno mescolando sempre più man mano che avanza l'era del computing integrato, in cui il form factor è meno importante dell'esperienza offerta quando tutti i device sono connessi l'un l'altro e al cloud. Che sia uno smartphone, una smart shirt, un ultra sottile 2-in-1 o un nuovo servizio cloud rilasciato da strutture architettoniche smart piene di sistemi connessi, Intel e l'ecosistema taiwanese hanno l'opportunità di accelerare e fornire il valore di un mondo del computing integrato, intelligente e perfettamente connesso."

Con queste parole il presidente di Intel Renée James ha aperto il keynote del colosso di Santa Clara all'edizione 2014 del Computex di Taiwan. Considerazioni che si sposano perfettamente non solo con il rinnovato impegno da parte dell'azienda verso tutte quelle realtà che costituiscono il futuro dell'ICT, come le tecnologie indossabili, l'Internet delle cose e gli oggetti smart, oltre ovviamente al segmento ultramobile, ma anche con alcuni prodotti del prossimo futuro o già in dirittura d'arrivo che sono stati anticipati durante l'evento e che illustrano perfettamente la filosofia e l'approccio dell'azienda in questo momento. Tra le soluzioni più interessanti vanno quindi ricordate soprattutto SoFIA e Core M.

Intel al Computex 2014

SoFIA è il nome della prima piattaforma mobile integrata destinata a smartphone e tablet di fascia bassa e media che raggiungeranno il mercato a cavallo tra l'ultimo trimestre di quest'anno e il primo del 2015. La lineup comprenderà tre diverse soluzioni, un dual core e due quad core. La prima integrerà un chip di tipo 3G, così come la seconda, che sarà però sviluppata in collaborazione con Rockchip. L'azienda cinese sarà così la prima al mondo ad aver ottenuto la licenza per produrre CPU Intel (nella fattispecie Atom), che però continuerà a marchiarli col proprio brand. L'altro quad core invece sarà dotato addirittura di un modem 4G-LTE. E' dunque evidente l'intenzione di Intel di riuscire ad ampliare la propria portata, aumentando la propria capacità di immissione sul mercato mondiale dell’architettura Atom per i device Android based di fascia bassa, che costituiscono poi la parte più sostanziosa e redditizia del mercato.

Intel SoFIA

L'altra novità rilevante riguarda la presentazione di un nuovo reference design per tablet ibrido, il primo al mondo completamente fanless grazie all'adozione dei nuovi processori Broadwell a 14 nm, che arriveranno tra poco sul mercato, e il primo dei quali sarà un Core M. Il 2-in-1, chiamato Llama Mountain, ha un display con diagonale di 12.5 pollici, uno spessore di appena 7.2 mm senza la tastiera sganciabile e un peso di 670 g. All'interno della tastiera/docking station c'è però un sistema di dissipazione attivo che consente di elevare la frequenza operativa e le prestazioni del device. Da notare che Llama Mountain è molto simile, per aspetto, dimensioni e caratteristiche tecniche, all'ASUS Transformer Book T300 Chi, anch'esso presentato al Computex e basato su CPU Broadwell.

Intel Core m

Intel Core m

Intel comunque non dimentica le proprie origini e per questo ha anche presentato Devil's Canyon, dei processori Core i5 e i7 basati su un refresh dell'architettura Haswell di quarta generazione, giunta alla revisione K. Quest'ultima ha permesso di raggiungere una frequenza di base di ben 4 GHz, rendendo così perfetti questi processori per tutti gli utenti performance enthusiast come overclocker o videogamer.

Intel Devil's Canyon

James infine ha anche accennato alla nuova famiglia di unità a stato solido su PCI-Express Data Center, destinata come ci dice già il nome al settore enterprise e ai nuovi sviluppi della tecnologia RealSense e delle videocamere 3D che supportano applicazioni per un numero crescente di 2-in-1, all-in-one, tablet e altri device di questo tipo. Lo SDK 2014 di RealSense sarà reso disponibile agli sviluppatori durante il terzo trimestre di quest'anno.

Intel Realsense

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy