Home News Intel Atom Cherry Trail sfida AMD Mullins

Intel Atom Cherry Trail sfida AMD Mullins

Intel Atom Cherry Trail sfida AMD MullinsDa pochissimo AMD ha annunciato le sue nuove APU Mullins e Beema, destinate ai device ultramobili ed ecco che la risposta, seppur ufficiosa, di Intel non si è fatta aspettare: sul Web infatti è apparsa una slide che rivelerebbe alcune caratteristiche di Cherry Trail-T, la piattaforma Atom di prossima generazione, che dovrebbe essere realizzata a 14 nm e supportare fino a 8 GB di RAM DDR3.

La competizione per il segmento ultramobile è sempre più serrata, non solo tra le soluzioni RISC di ARM, attualmente leader del settore, e quelle x86 di Intel, che sta cercando di ritagliarsi una fetta importante di questo ricco mercato, ma ora anche all'interno della stessa famiglia x86. La slide apparsa nei giorni scorsi in Rete e che rivela alcune caratteristiche dei futuri Intel Atom Cherry Trail-T sembra infatti voler rispondere all'importante "colpo" battuto da AMD, altro chipmaker storico di questo tipo di architetture rimasto finora defilato, che però con la presentazione delle nuove APU Mullins e Beema ha fatto chiaramente capire di voler essere della partita.

Intel Atom Cherry Trail-T

La slide, che sembra essere non proprio recentissima visto che riporta la compatibilità di Cherry Trail-T con Android KLP ossia Key Lime Pie (la versione 5, che poi come sappiamo ha lasciato il posto all'attuale 4.4 KitKat), non rivela molti dettagli tecnici ma quelli presenti lasciano sperare molto bene per questi processori. Anzitutto rispetto agli attuali Bay Trail-T sarà adottato un processo produttivo a 14 nm, che dovrebbe consentire al colosso di Santa Clara di ottenere un consistente bump sia nelle prestazioni che nel contenimento dei consumi.

Non a caso sembrerebbe che la massima frequenza operativa raggiungibile dinamicamente dai futuri Atom salirà di ben 300 MHz, passando dagli attuali 2.4 a 2.7 GHz. Un incremento particolarmente consistente sarebbe poi quello riguardante la banda passante e la RAM supportata: dove infatti Bay Trail-T si ferma a un massimo di 4 GB di LPDDR3 a 1067 MHz o DDR3L-RS a 1333 MHz in dual channel, il nuovo Cherry Trail-T passerebbe a 8 GB di LPDDR3 o DDR3L-RS a 1600 MHz, con la bandwidth che passerebbe da 8.5 o 17 GB/s a ben 25.6 GB/s. Infine, da quello che si sa, Cherry Trail-T dovrebbe supportare le uscite video digitali HDMI 1.4 e DisplayPort 1.2 e quindi anche la risoluzione 4k (3840 x 2160 pixel).

Nulla si sa invece al momento sul sottosistema grafico, né la slide contiene indicazioni precise riguardo ad una finestra temporale di disponibilità per queste nuove soluzioni, ma siamo sicuri che di qui a poco, entrando nel 2014, inizieranno ad arrivare alcuni dettagli ufficiali da parte di Intel stessa.  

Commenti (1) 

RSS dei commenti
Stando alla carta sarebbe un ottimo prodotto, bisogna vedere solo il lato consumi dato che è strettamente indirizzato alla mobilità! Divertente che anche Intel desse per vero il nome key lime pie, verrebbe da chiedersi a quando risale la slide o meglio quando hanno deciso di usare kitkat come nome.
Di questa cpu credo che ne gioverà soprattutto windows8 che avrebbe una piattaforma x86 mobile senza dover ricorrere ad arm ed alle sue "limitazioni" con windows.  
riky1979

riky1979

novembre 16, 2013

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy