Home News Google Wallet: pagamento elettronico via NFC

Google Wallet: pagamento elettronico via NFC

Google Wallet: pagamento elettronico via NFCIl colosso di Mountain View cerca di aprire un varco nella strada dei pagamenti elettronici basati su tecnologia NFC. Google Wallet è il primo tentativo di implementazione.

La tecnologia fa passi da gigante, non c’è dubbio. La rivoluzione è nell’aria. Google Wallet è un innovativo sistema di pagamento elettronico basato sulla tecnologia NFC (Near Field Communication)  che consentirà di pagare beni e servizi utilizzando un semplice smartphone. Ma cerchiamo di capire qualcosa di più. Google Wallet rappresenta un servizio di pagamento tramite sistema operativo Android che, grazie a particolari accordi siglati con colossi del settore finanziario, Mastercard in testa, permetterà di fare acquisti utilizzando un semplice smartphone e nulla più.

Google Wallet

Allo stato attuale, questo servizio è in fase di testing nella città di New York e San Francisco ma arriverà con maggiore impatto dopo l’estate, in concomitanza con il lancio del Nexus S 4G. Oltre questo, la società di Mountain View ha dichiarato che Wallet sarà utile anche per la gestione di eventuali coupon e potrà essere ricaricato come una normale carta prepagata oppure utilizzato in combinazione con una carta di credito. E’ chiaro che i primi dubbi su tale implementazione riguardino il tema della sicurezza.

Google è a conoscenza delle problematiche che investono tale settore ed ha sviluppato un sistema di protezione piuttosto robusto per garantire la sicurezza delle informazioni. Per l’accesso al servizio sarà necessario un apposito codice PIN e i dati degli utenti saranno criptati in modo opportuno. Google Wallet è un servizio pionieristico soprattutto per quel che concerne l’utilizzo della tecnologia NFC, una sorta di sistema di comunicazione wireless a corto raggio. Inoltre apre scenari innovativi circa la gestione dei beni e servizi, acquistabili in maniera semplice e diretta.

Ma non si tratta solo di questo. Nulla vieterebbe, ad esempio, di utilizzare questo know-how per l’implementazione di nuovi servizi dedicati magari alla gestione dei documenti personali. Resta da considerare quanto una tecnologia basata su circuiti Mastercard possa diffondersi e a quale velocità, in Paesi come l’Italia ad esempio, dove ancora il contante è ritenuta la via principale per l’acquisto.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy