Home News Chromebook Samsung in Italia: prezzo e disponibilità

Chromebook Samsung in Italia: prezzo e disponibilità

Chromebook Samsung in Italia: prezzo e disponibilitàSamsung Serie 5, il chromebook dell'azienda coreana, è arrivato anche in Italia. La versione bianca sarà disponibile da 28 giugno a 399 euro, il modello 3G dal 25 luglio a 449 euro. La prevendita è già attiva.

Dopo la disponibilità a livello europeo di Samsung Serie 5, ecco per voi i dettagli per il mercato italiano. A partire da oggi, in prevendita su Pixmania è possibile acquistare il Samsung Chromebook Serie 5 (WiFi) bianco al prezzo di 399€. Il prodotto sarà fisicamente disponibile a partire da martedì 28 giugno. Samsung Chromebook Serie 5 (3G) invece sarà disponibile a partire dal lunedì 25 luglio al prezzo di 449€.

Samsung chromebook bianco

Samsung Chromebook Serie 5 (disponibile nelle versioni 3G e WiFi) è dotato di un display da 12 pollici di risoluzione WXGA e il sistema audio HD con altoparlanti stereo garantiscono un ambiente ottimale per il multimedia. Ha un’autonomia di 8 ore e per comunicare online mette a disposizione una webcam HD con microfono anti-rumore. Con un peso di 1,48 kg e soli 19,9 mm di spessore, il design ultracompatto del Chromebook Samsung garantisce il massimo della portabilità, senza compromettere la funzionalità e le performance.

Tutti i Chromebook si caratterizzano principalmente per l’accesso rapido al web: si avviano in soli 8 secondi e grazie alle tecnologie 3G e Wi-Fi integrate sono in grado di funzionare, navigare ed operare utilizzando al meglio tutte le proprie potenzialità. Altro punto di forza di questi nuovi portatili è la sincronizzazione immediata e continua, che consente di non perdere mai il lavoro compiuto e, soprattutto, con la possibilità di riprendere il proprio lavoro ovunque sia disponibile una connessione senza la necessità di avere a disposizione il proprio device.

Per quanto riguarda la sicurezza, i Chromebook garantiscono una protezione costante dalla minaccia di malware e virus. Le applicazioni prendono il posto dei software, facilitando così l’installazione e portando in prospettiva sul desktop il computing remoto.