Chromebook, avvio lentoEric Schmidt, in un evento organizzato il 9 novembre scorso a Taiwan, ha parlato di Chrome OS come un prodotto all’avanguardia. I produttori sembrano però pessimisti e chiedono a Google un maggior supporto.


Sembra che il segmento dei Chromebook stenti a decollare. Secondo quanto riportato da Digitimes, le soluzioni presentate da Samsung e Acer, equipaggiate con il sistema operativo Chrome OS, non starebbero dando i risultati sperati, anzi tutt’altro. Il volume di vendite dei due Chromebook, rilasciati nel mese di giugno, sarebbe poco incoraggiante.

Acer Chromia 700

I dati trapelati parlano di circa 5.000 unità vendute tra giugno e luglio per il modello Acer Chromia 700. Samsung Serie 5, addirittura, avrebbe raggiunto risultati ancora più modesti, probabilmente a causa del prezzo di vendita più elevato. Durante l’incontro di Eric Schmidt con i produttori di Taiwan, questi numeri non sarebbero stati considerati negativi o tali da mettere in dubbio lo sviluppo stesso di Chrome OS. Lo stesso Schmidt ha sottolineato i punti di forza della soluzione di casa Google e perchè questo OS è superiore rispetto alle attuali proposte del mercato.

Ma quali potrebbero essere le motivazioni alla base del ridotto volume di vendite per i Chromebook? Se consideriamo i modelli presentati, soprattutto quello di Samsung, non è difficile scoprire un prodotto di elevata qualità, con un design elegante e curato, con un display eccellente e una unità allo stato solido veloce. A quanto pare, le problematiche non sarebbero tanto da ricondursi all’aspetto hardware ma al corredo software. Infatti, sembrerebbe che la concezione Cloud alla base di Chrome OS sia percepita come un limite quando non si ha piena connettività. E’ pur vero che, allo stato attuale, è difficile pensare ad un computer privo di connessione ad internet ma è il mercato a dettare le regole.

E cosa si pensa del supporto alle applicazioni. E' difficile proporre alla comunità scientifica e scolastica (ma anche consumer) una soluzione che punti ad utilizzare Google Doc piuttosto che Word di Microsoft. I Chromebook stanno cercando di cambiare la concezione stessa con la quale si vive un computer. L’esperienza Cloud è una novità, a cui gli utenti non sono abituati, almeno non nel senso previsto da un device di questo tipo. Se siete curiosi di scoprire a fondo un chromebook, leggete la nostra recensione su Samsung Serie 5.

Commenti