Home News Banana Pi M1 e M1+, M2 e M2+, e M3: alternative a Raspberry Pi dal vivo

Banana Pi M1 e M1+, M2 e M2+, e M3: alternative a Raspberry Pi dal vivo

Banana Pi M1, M2 e M2+, e M3, le alternative a Rasberry Pi dal vivoAbbiamo avuto l'opportunità di fotografare da vicino e toccare le cinque board Banana Pi M1, M1+, M2, M2+ e M3, considerate tra i cloni più riusciti di Raspberry Pi. Ecco la nostra panoramica.

Banana Pi è un progetto, voluto e fondato da Foxconn, che oggi può contare su una ricca offerta di microcomputer open-source simili (ed alternativi) alle più popolari schede Raspberry Pi. Le board sono tutte dotate di processori Allwinner e supportano le più recenti distribuzioni GNU/Linux e Android, ma costano un po' di più dei concorrenti perché sono dotate di un un maggior numero di porte e periferiche, tra cui un connettore SATA per un disco fisso esterno, un sensore a infrarossi (per l'utilizzo di un telecomando), prese micro USB-OTG aggiuntive, pulsanti e ingresso microfono.

La prima board Banana Pi è stata lanciata nel 2013 e all'epoca era uno dei primi cloni di Raspberry Pi, con lo stesso formato, interfacce e caratteristiche tecniche, ma poi sono seguite altre varianti come la ODROID e la Orange Pi. Oggi, la gamma di Banana Pi è molto ricca e potete trovare tutti i modelli in vendita anche nei negozi italiani. Abbiamo avuto la possibilità di fare una panoramica dal vivo degli ultimi modelli al Computex 2016 ed è proprio da lì che arriva il nostro video hands-on e la galleria fotografica che trovate in questo articolo.

Alla base dell'offerta c'è la versione Banana Pi M1, venduta a circa 44 euro. Questa single board è dotata di un processore Allwinner A20 dual-core (ARM Cortex A7) da 1GHz, che già riesce a competere adeguatamente con una Raspberry Pi 2, 1GB di RAM ed ancora uno slot per schede SD, HDMI, Gigabit Ethernet, 2 porte USB 2.0, una micro USB per l'alimentazione, un ricevitore IR ed un connettore SATA. Esiste anche un modello Banana Pi M1+, identico ma con modulo WiFi 802.11n incorporato.

Banana Pi M1 Banana Pi M1+

Banana Pi M2 costa 55 euro, ma integra un SoC più potente: Allwinner A31S quad-core (Cortex-A7) da 1GHz, con 1GB di memoria RAM. In questo caso il WiFi è offerto di serie, così come quattro porte USB 2.0, una HDMI, Gigabit Ethernet ma non la porta SATA. Ed è una valutazione importante al momento dell'acquisto.

Banana Pi M2+ è un prodotto completamente diverso, ma è disponibile allo stesso prezzo del precedente. È più piccolo (6.5 x 6.5 cm contro i 9.2 x 6 cm della M2) ed è fornito di un processore decisamente più veloce, un Allwinner H3 quad-core (Cortex-A7) con frequenza di 1.2GHz, affiancato da 1GB di RAM e 8GB di storage su eMMC. La connettività in questo caso include due porte USB 2.0, una HDMI, Gigabit Ethernet e WiFi 802.11n.

Banana Pi M2+

Infine, c'è Banana Pi M3 che è il modello di punta della società. Il suo processore è un Allwinner A83T octa-core (Cortex-A7) da 1.2GHz, abbinato a 2GB di RAM, 8GB di eMMC ed il solito corredo di interfacce di Banana Pi, vale a dire due porte USB 2.0, HDMI, Gigabit Ethernet e WiFi 802.11n. In questa board, torna il connettore SATA sulla motherboard ma in realtà si tratta di una USB 2.0 per SATA-bridge. Il prezzo è poco invitante: 110 euro.

Banana Pi M3

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy