Home News Un miliardo di PC in tutto il mondo!

Un miliardo di PC in tutto il mondo!

1 miliardo di PCIl numero di personal computer in uso su tutto il pianeta ha raggiunto un miliardo di unità: gran parte di essi appartengono ai mercati maturi di USA ed Europa, ma presto la situazione si invertirà.

Secondo le stime della società di analisi Gartner, i PC in uso in tutto il mondo hanno raggiunto e sorpassato la considerevole cifra di un miliardo. La maggior quantità di computer, con una quota del 58% sul totale, è divisa fra i mercati consolidati dell'Europa Occidentale e Stati Uniti. Nel giro di pochi anni tuttavia troveremo una situazione completamente diversa: con il raggiungimento del secondo miliardo, stimato per il 2014 grazie ad un forte abbassamento dei prezzi , la presenza di USA ed Europa si attesterà solamente al 30%, a causa di un forte crescita dei mercati emergenti come India e Brasile, che considerano l'informatizzazione un requisito fondamentale per lo sviluppo economico del Paese.

riciclaggio di personal computer

Ma con una crescità così repentina, si avrà anche un numero sempre crescente di PC obsoleti; Gartner ha stimato che solo nel 2008, saranno ben 180 milioni i computer che verranno rimpiazzati. Purtroppo, gran parte di essi saranno sostituiti con scarso rispetto delle norme ambientali e solamente una piccola parte verrà riciclata. L'analista Meike Escherich di Gartner è estremamente preoccupato per la questione inquinamento: il problema sarà particolarmente pressante proprio per i paesi emergenti che, con un numero enorme di PC ritirati, dovrà fronteggiare una gran quantità di rifiuti tossici.

Il 70% di tutti i computer e telefoni cellulari "pensionati" sono esportati ogni anno in Cina. Alcuni studi hanno dimostrato che il livello di piombo è cresciuto a dismisura nelle aree presso i centri di riciclo, raggiungendo limiti che sarebbero considerati illegali in gran parte dei paesi occidentali. Si tratta dunque di un problema, che potrebbe diventare allarmante in pochi anni, e che quindi necessita di attenzione, con norme più severe e controlli più frequenti.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy