ImageLeggendo le informazioni finora disponibili, non avremmo mai osato sperarlo: Intel Larrabee, il futuro processore grafico multi-core con il quale il chipmaker di Santa Clara sfiderà ATI e Nvidia, avra' anche una versione per notebook!

Larrabee è il nome in codice del progetto che traghetterà Intel nel settore delle schede video, portandola a competere direttamente con ATI e Nvidia. L'approccio del chipmaker californiano sarà, però, diverso da quello delle GPU (Graphics Processing Unit) tradizionali, tanto che per identificare Larrabee si usa un acronimo diverso, GPGPU (General Purpose GPU).

La nuova denominazione cerca di sintetizzare le peculiarità di Intel Larrabee: sarà composta da molteplici core basati su un set di istruzioni x86, capaci di adattarsi meglio alle esigenze dei programmatori e di svolgere funzioni di natura diversa.

TGDaily sarebbe venuto in possesso di una documentazione riservata di Intel dalla quale emergerebbe l'esistenza di una versione per notebook di Larrabee. Si tratta di una novità rispetto alle informazioni circolate finora che attribuivano alle prime GPGPU Larrabee un TDP di ben 150W,assolutamente incompatibile con un impiego mobile.

Intel Larrabee dieNonostante Intel abbia preannunciato il rilascio dei primi prototipi funzionanti ad inizio 2009, tuttavia il lancio ufficiale di Larrabee è previsto solo per l'autunno dello stesso anno, probabilmente nel corso dell'Intel Developer Forum (IDF) di San Francisco.

Questa prima versione di Intel Larrabee sarà destinata a server e workstation e sarà seguita, dopo 6 mesi, da nuovi modelli mainstream indirizzati a desktop e notebook. La cadenza temporale dovrebbe corrispondere a quella della piattaforma per notebook Intel che seguirà a Calpella.

Insieme ad un ammontare di cache (ancora sconosciuto) e a chip dedicati all'elaborazione grafica, il die di Larrabee sarà composto da un numero variabile di IA, da 4 a 24 core. Secondo le stime, la configurazione più potente dovrebbe superare agevolmente 1 teraflop.

Ad affiancare la GPGPU dovrebbero esserci memorie GDDR5 interconnesse con un bus a 1024-bit! A spegnere il nostro entusiasmo dopo questa sintetica elencazione di caratteristiche tecniche, arriva un commento di Jen-Hsun Huang, CEO di Nvidia: "qualsiasi prodotto sembra eccezionale in una presentazione in Powerpoint!"

 

Commenti