Nvidia problemi GPUNvidia interviene sulla questione delle GPU mobile difettate, negando la presenza di un problema di massa per i chip incriminati. Solo un ristretto insieme di schede grafiche sarebbe a rischio di surriscaldamento, ma sono in arrivo nuovi driver per prevenirlo.

Qualche giorno fa, un tagliente articolo di TheInquirer aveva insinuato il dubbio che vi fossero problemi di surriscaldamento per alcune diffuse GPU Nvidia; l'attacco del noto sito di informazione era sostenuto dalla polemica relativa al pesante danno finanziario rivelato dal produttore di Santa Clara, pari al 15/20% delle entrate. Da qui il sospetto di un coinvolgimento dell'intero panorama di schede video GeForce, che utilizza chip G84 e G86, di larghissimo uso nel segmento mobile consumer.

Nvidia GeForce 8600M GT

Nvidia interviene oggi sedando la polemica, con un annuncio che ridimensiona il problema alla sua forma originaria: il difetto che porterebbe al surriscaldamento della GPU, è condiviso solo da un ristretto gruppo di schede video mobile, di cui una piccola percentuale rischierebbe di collassare in caso di condizioni particolari quali le alte temperature climatiche, applicativi stressanti per la GPU, ed i sistemi di dissipazione poco efficienti di alcuni notebook.

Le GPU per desktop, così come tutte le GPU rilasciate successivamente, sarebbero completamente esenti dal difetto; nessuna anomalia di massa quindi. Per porre rimedio alla questione, Nvidia ha promesso di sviluppare alcuni nuovi driver dedicati esclusivamente alle GPU incriminate, che preverrano il surriscaldamento tramite il downclock delle frequenze. Ci proponiamo di tenervi informati nel caso vi fossero ulteriori sviluppi della vicenda.

 

 

Commenti