Home News Notebook o opera d'arte?

Notebook o opera d'arte?

ImageL'artista brasiliano Romero Britto ha utilizzato un computer portatile come base per la sua ultima opera d'arte. I notebook non sono entrati solo nella nostra vita quotidiana, ma anche nella nostra cultura. 

NVousPC, azienda di Miami specializzata nella personalizzazione dei laptop e relativi accessori, ha annunciato la creazione di un notebook, in esemplare unico, "dipinto" dall'artista neo-pop brasiliano Romero Britto. Il portatile che è stato utilizzato come "tela" dall'artista di fama internazionale, è un Ether notebook con schermo da 15.4 pollici di diagonale, equipaggiato con processore Intel Core 2 Duo T7600 da 2.33GHz su piattaforma Napa Refresh, e 2 GigaByte di memoria RAM.

Britto ha ricoperto praticamente ogni superficie disponibile del portatile in questione, con il suo stile gioioso e psichedelico, fatto di rappresentazioni di animali e creature fantastiche. L'artista ha commentato così la sua creazione:
"Mi piace usare colori brillanti e le forme per mostrare il lato positivo della vita. Questo computer è stato come tela per aiutarmi a diffondere il mio messaggio di speranza e felicità."

Image

NVousPC è molto soddisfatta del risultato: "Siamo onorati del fatto che un artista del calibro di Romero Britto abbia utilizzato un nostro notebook come sua tela", ha dichiarato Oscar Zapata, presidente e cofondatore dei NVousPC. "Il suo utilizzo di colori sgargianti e il suo tratto inconfondibile hanno trasformato il nostro portatile in un'opera d'arte".

Ed opera d'arte in effetti è, dal momento che la creazione di Britto sarà esibita in una galleria d'arte di Miami Beach a partire da Febbraio dell'anno prossimo.

 

Commenti (2) 

RSS dei commenti
..questo, secondo me, è il futuro business dei cd "portatili" che sono diventanti (o che diventeranno) un accessorio della persona (più o meno come lo sono oggi i telefonini) :wink:

PS: ovviamente questo per un pubblico un po' meno nerd.  
0

alfonso60

dicembre 03, 2007

sono d'accordo con te
peraltro anche matteo valle di HP nell'intervista confermava questa evoluzione dei notebook, come "mobile companion"  
0

lex

dicembre 03, 2007

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy