Home News Il portatile Inspiron 1420 N con Ubuntu Linux costa troppo! E Dell corregge il prezzo

Il portatile Inspiron 1420 N con Ubuntu Linux costa troppo! E Dell corregge il prezzo

ImageUn blogger nota che il prezzo del nuovo Dell Inspiron 1420 N con Ubuntu Linux è inspiegabilmente maggiore di oltre 200$ rispetto a quello dell'equivalente modello Vista-based!

Nei giorni scorsi, l'autore del blog DeveloperSide.NET aveva pubblicato un intervento assai polemico circa il prezzo del nuovo Dell Inspiron 1420 N, versione Ubuntu Linux-based del nuovo PC portatile da 14 pollici della serie consumer Dell Inspiron.

Image

Ad accendere gli animi era stato un errore nel configuratore dell'Inspiron 1420 N sul sito online di Dell: cambiando qui e là qualche opzione, era possibile ottenere una configurazione del tutto identica a quella proposta per l'equivalente modello Inspiron 1420 equipaggiato con Windows Vista, ma per un prezzo superiore di 225$! Effettivamente la disparità era molto marcata, troppo se si considera che la versione con sistema operativo open source avrebbe dovuto costare leggermente meno a parità di hardware, perché non gravata dal costo della licenza di Windows!

Riscontrato l'errore, la macchina organizzativa di Dell si è messa in moto, correggendo il prezzo errato (ora il modello Linux-based ha un costo inferiore di 25$ rispetto al modello con Windows) e chiarendo l'accaduto sul blog ufficiale del servizio clienti Dell Direct2Dell, secondo quella che ormai è una prassi consolidata:

"Voglio che sappiate che il recente errore di prezzatura dell'Inpiron 1420 con Ubuntu era dovuto ad una semplice svista per il fatto che le promozioni applicabili all'Inspiron 1420 non venivano conteggiate sul modello equipaggiato con Ubuntu. Adesso però abbiamo corretto l'errore. Se controllate, potrete notare che le stesse promozioni vengono conteggiate sia sulle macchine con Ubuntu, sia su quele con Windows Vista. Viringraziamo per averportato l'errore alla nostra attenzione."  

Una tempesta in un bicchier d'acqua, quindi. Va ricordato, però, che non si tratta di un caso isolato: esattamente un mese fa, Dell era stata costretta a scusarsi pubblicamente proprio per la scarsa chiarezza nei prezzi dei prodotti in vendita sul suo store.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy