Home News IDF 2007 San Francisco: Intel punta sull'efficienza energetica di CPU e piattaforme

IDF 2007 San Francisco: Intel punta sull'efficienza energetica di CPU e piattaforme

ImageDai MHz alle performance per watt, l'efficienza energetica diventa tema centrale dello sviluppo di Intel e si estende oltre i microprocessori, a tutta la piattaforma ed oltre.

Nel settore dei computer portatili la qualità di un processore non si valuta in MHz ma in efficienza, cioé nel rapporto fra le prestazioni che è in grado di esprimere ed il suo consumo. Questo concetto, che oggi ci sembra ovvio, si è affermato concretamente solo nel 2003 con la nascita delle prime CPU Banias, ed è stato alla base del successo della piattaforma Intel Centrino.

L'approccio performance/watt ha dato risultati così incoraggianti che ora Intel medita di farne il fulcro di tutte le sue future linee di sviluppo, anche in ambito desktop e server. Non ci stupisce, pertanto, che all'IDF 2007 Fall l'argomento sia stato oggetto di una specifica conferenza dal titolo "Estendere l'efficienza energetica, dal silicio alla piattaforma e oltre".

Attualmente, come evidenziato dalle slide seguenti, i componenti che assorbono la maggiore quantità di energia sono il display e la scheda grafica, mentre la CPU ha un consumo paragonabile a quello di un hard disk. Questi risultati sono stati possibili grazie a una sofisticata gestione del voltaggio, tramite tecnologie come lo Speedstep e il Dynamic Front Side Bus Switching introdotto con Santa Rosa.

Image

Si tratta ora di migliorare la gestione energetica dell’intera piattaforma e non solo dei singoli componenti, attraverso lo sviluppo di nuove tecnologie rivolte all’ottimizzazione dei consumi. Gestione dinamica del voltaggio, controllo hardware e software, e una migliore progettazione dei circuiti stampati sono solo alcune delle novità sulle quali Intel sta lavorando con più impegno, in modo da assicurare continuità nelle prestazioni e al tempo stesso una riduzione dei consumi delle componenti a riposo, senza  causare disagi all’utente finale. 

Image

I vantaggi saranno diversi a seconda che si tratti di un sistema desktop,server o notebook. Sotto quest'ultimo profilo, che è poi quello di nostro interesse, sarà possibile realizzare dispositivi più piccoli, con migliore efficienza termica, più facili da sviluppare per le case madri e di conseguenza più economici. Sembra davvero un’ottima prospettiva per noi appassionati, no?

Image

Non possiamo che augurare a Intel buon lavoro e, allargando l'orizzonte, sperare in una sempre maggiore attenzione di tutti verso le problematiche legate al consumo energetico.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy