Home News HP ripensa agli smartphone

HP ripensa agli smartphone

HP ritenta con gli smartphoneHewlett Packard non è ancora del tutto fuori dai giochi per quanto riguarda gli smartphone. Seppur non ne produce più da due anni, presto potrebbe tornare in campo con una soluzione caratterizzata da un'esperienza d'uso differente da quanto presente sul mercato. Cosa vorrà dire esattamente?

HP Veer

La storia è ormai nota, dopo aver investito massicciamente in WebOS e aver proposto smartphone e tablet con questo sistema operativo, il colosso del computing HP ha rischiato il collasso definitivo e l'uscita dal mercato consumer. In suo soccorso due anni fa è arrivato il nuovo CEO Meg Whitman, che ha sottoposto l'azienda a una profonda e drastica riorganizzazione, non solo interna ma anche del portfolio. WebOS e tutti i relativi prodotti furono dismessi e si pensò ad altro.

Ora, a due anni di distanza, dopo che l'azienda è ormai al sicuro e dopo alcune dichiarazioni da parte della stessa Whitman che affermava la necessità per un'azienda come HP di avere degli smartphone per completare il proprio ecosistema e perché in molti Paesi lo smartphone rappresenta il primo e a volte anche l'unico device high tech che si potrà mai possedere, ecco che arriva la conferma da parte di Yam Su Yin, Senior Director della divisione Consumer PC e Tablet per i mercati della zona Pacifico-Asiatica.

In particolare, durante un'intervista a the Indian, la Su Yin ha risposto in merito a una domanda su un possibile futuro di HP nel settore smartphone: "la risposta è sì ma non posso ancora dare delle scadenze. Sarebbe assurdo se dicessimo di no. HP deve far parte del gioco" ed ha aggiunto che "ci sono ancora cose che possono essere fatte. Non è tardi. Quando HP avrà uno smartphone, offrirà un'esperienza differente."

E' difficile interpretare correttamente questa affermazione, che può sottintendere diversi scenari. Riconducendola esclusivamente al contesto dell'intervista e alle precedenti affermazioni della Whitman si potrebbe anche concludere che la cosa, qualsiasi essa sia, riguarderà soltanto prodotti destinati ai mercati emergenti. Ma se così non dovesse essere le opzioni sono diverse. Sul mercato attualmente il duopolio è rappresentato esclusivamente da iOS e Google, con Microsoft in lentissimo ma costante recupero.

Un'esperienza d'uso differente allora potrebbe essere rappresentata da uno smartphone Android con interfaccia proprietaria in stile Samsung TouchWiz o HTC Sense, ma siamo sicuri che HP avrebbe le capacità per inserirsi in tempi brevi in una corsa dove ormai Samsung domina ampiamente? Altrimenti l'alternativa sarebbe solo seguire la strada di Nokia e proporre device rivoluzionari nelle funzioni e nell'aspetto e dotati di Windows Phone, attualmente l'unico dei tre OS che offre un'esperienza d'uso davvero differente dalla solita. Anche in questo caso però le quote di mercato ancora scarse non garantirebbero forse in tempi brevi i numeri a cui HP sembra aspirare. Cosa farà il colosso americano dunque? Per il momento il mistero resta, continuate a seguirci! 

Via: Engadget

Commenti (1) 

RSS dei commenti
Avete dimenticato la 3a soluzione, quella che potrebbe andare meglio ad aziende tipo hp e lenovo che vedono nelle aziende i loro principali clienti. La 3a soluzione sarebbe l'acquisizione di RIM e quindi di tutto il mercato BlackBerry e se integrato nella linea commerciale hp potrebbe rivivere facilmente ed accedere velocemente a quote di mercato.
Teniamo presente che nel mercato usa adesso hanno certificato samsung con lo s4 per applicazioni sicure da distribuire alle varie agenzie e che alcuni prototipi di tablet militari usano come base sempre prodotti samsung; hp si potrebbe inserire in questo modo proponendosi come società a stelle e strisce e rastrellare rapidamente ordini governativi e quindi poi commerciali.  
riky1979

riky1979

luglio 09, 2013

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy