Home News Gigabyte U2142 da FCC

Gigabyte U2142 da FCC

Gigabyte U2142 da FCCIl notebook da 11.6 pollici convertibile in tablet, Gigabyte U2142, è stato visionato dai tecnici della FCC che, come al solito, ci indicano una prossima vendita negli Stati Uniti.

Gigabyte U2142 non è per noi una novità, in quanto le prime informazioni su questo prodotto sono emerse nel mese di ottobre. Si tratta di un computer portatile con display da 11.6 pollici, e risoluzione di 1366 x 768 pixel. Lo schermo, di tipo touch, può essere ruotato di 360 gradi e ribaltato sul piano tastiera, trasformando così il notebook in un tablet. Gigabyte U2142 appartiene quindi, di diritto, alla categoria dei notebook convertibili in tablet, di solito accompagnati da uno stylus che in questo caso risulta assente.

Gigabyte U2142

Gigabyte U2142 ha un design standard, molto classico. Non è sottile nè particolarmente leggero, come detta la moda del momento per gli ultrabook, ma risulta comunque piuttosto piccolo e portatile (20 mm di spessore) con un peso di 1.5Kg. L'azienda taiwanese ha deciso di offrire all'utente più opzioni di configurazione, come la possibilità di installare un Core i3 o Core i5 e uno storage fino a 1.2TB, se si acquista un modello con hard disk magnetico da 1TB e SSD da 256GB.

Buona anche la dotazione di porte, che annovera 2 USB 3.0 e 2 USB 2.0, uscite video VGA e HDMI, jack per cuffie e microfono, un plug per la connessione alle reti cablate, un lettore di memorie di tipo 2-in-1 e l'aggancio per il lucchetto di sicurezza Kensington mentre, per quanto riguarda la connettività, troviamo i moduli Gigabit Ethernet LAN, WiFi, Bluetooth 4.0+LE e WWAN 3.5G opzionale. Il sistema operativo è naturalmente Windows 8.

A completare la dotazione infine c'è una webcam da 1.3 Mpixel, 2 speaker da 1.5 W ciascuno e una batteria ai polimeri di litio da 40 Wh. Gigabyte non ha al momento comunicato una data di disponibilità ufficiale né un prezzo, ma si suppone un costo per l'allestimento base di 999 dollari ed il lancio molto vicino, visto il test di FCC.

Via: Liliputing