Dell: netbook non si tocca!Ne avete sicuramente sentito parlare: il termine netbook è in questi giorni al centro di accesi dibattiti per il copyright imposto da Psion e per la battaglia legale intrapresa da Dell. Vediamo insieme i dettagli.

Come abbiamo visto in questo articolo passato, la società Psion Teklogix rivendica la paternità della parola "netbook". Psion infatti ha lanciato nel 2000 un dispositivo ibrido, metà PDA e metà computer ultraportatile, con il nome di  “Psion Netbook" e “Psion Netbook Pro". Questi dispositivi non hanno incontrato il successo sperato e da allora sono stati dimenticati rapidamente. Nel marzo 2008, però, Intel aveva pubblicato una classificazione dei tipi di computer portatili ed aveva stabilito di utilizzare la parola generica "netboook" per identificare tutti quei PC ultraportatili low-cost, la cui dimensione dello schermo era inferiore agli 11 pollici.

Psion netbook

Da allora, il termine netbook è stato usato ed abusato per mininotebook professionali e consumer. Per questa ragione, Psion Teklogix ha deciso di imporsi qualche mese più tardi, costringendo tutte le aziende a non utilizzare il termine netbook o a coniarne uno nuovo. Molti produttori hanno dunque deciso di non adottare il temine netbook, descrivendolo con altre parole. Ad esempio, Darty indica questo tipo di computer con il termine "Mini PC Mobile" e Google ha cancellato la parola netbook nelle sue campagne di Adsense.

Dell pero' ha avviato un'azione presso le autorità americane (consultabile qui), affinchè la parola netbook possa essere utilizzata pubblicamente, senza timore di rappresaglie giuridiche da parte di Psion Teklogix. Si spera che l'azienda texana riesca a raggiungere il suo fine. In caso contrario, sarà necessario trovare un altro termine per identificare i Mini PC portatili low-cost.

 

Google News
Le notizie e le recensioni di Notebook Italia sono anche su Google News. Seguici cliccando sulla stellina

Commenti