Home News Dopo il SUV M-Byte arriva la berlina: Byton presenta K-Byte, concept car a guida autonoma

Dopo il SUV M-Byte arriva la berlina: Byton presenta K-Byte, concept car a guida autonoma

Dopo il SUV M-Byte arriva la berlina: Byton presenta K-Byte, concept car a guida autonomaDopo aver presentato la sua prima concept car al CES 2018 di Las Vegas, Byton ha atteso soltanto pochi mesi per lanciare la sua nuova berlina elettrica al CES Asia 2018. L'automobile prende il nome di K-Byte ed è un veicolo a guida autonoma (livello 4) con design unico e tante caratteristiche sorprendenti.

Dopo il fantastico concept SUV presentato da Byton alla Milano Design Week 2018, la startup cinese, che produce auto elettriche, ha portato al CES Asia 2018 una nuova bellissima berlina. L'azienda ha fatto sapere che i due autoveicoli si chiameranno M-Byte e K-Byte rispettivamente e che anche le auto future avranno questo tipo di denominazione, costituita da una lettera e dalla parola "Byte", che enfatizza il loro profondo legame con la tecnologia digitale. Ma se con la M-Byte si intendeva mettere in mostra il complesso ed elaborato sistema di infotainment interno al veicolo, con K-Byte si vuole portare in primo piano l'estetica - altro aspetto in cui Byton intende primeggiare - apportando una vera e propria rivoluzione.

Byton K-Byte al booth del CES Asia 2018

Ed il CEO Carsten Breitfeld lo conferma, in una delle sue dichiarazioni: "Siamo convinti di poter rivendicare la leadership del design nell'industria automobilistica in futuro. Potrebbe sembrare un po' arrogante, ma Byton sarà in grado di farcela, dando alle sue vetture un aspetto distinto e rendendo il futuro hardware di guida autonoma una parte del design".

Con il sistema la guida autonoma di livello 4 (standard SAE International), frutto della collaborazione con la startup americana Aurora Innovation, K-Byte permette sia di attivare la guida automatica (con gestione di accelerazione, frenata e direzione), sia di controllare la vettura manualmente tramite i comandi tradizionali (volante e pedali). Questa nuova tecnologia sfrutta dei LiDar retrattili che, all'occorrenza, sporgono dalla carrozzeria e consentono di ricostruire l'ambiente circostante, individuando tutti gli ostacoli. Altri sensori chiamati LiGuard, poi, servono ad avvisare i pedoni vicini che è attiva la guida autonoma e si ritraggono automaticamente durante le manovre di parcheggio.

Byton K-Byte

Byton K-Byte Byton K-Byte

L'automobile ha dimensioni generose (4.95 x 1.95 x 1.50 m) ed un aspetto sportivo, mentre l'interno dell'abitacolo è piuttosto simile a quello dell'altro modello, con un ampio display LCD touch nel cruscotto ed un altro sul volante, e con funzioni interattive analoghe. Grazie al corpo più leggero e aerodinamico la K-Byte di Byton potrebbe essere notevolmente più potente della M-Byte e adottare per le sue due versioni due tipi di motore elettrico: uno a trazione posteriore da 270 CV e l'altro a trazione integrale da 470 CV. Breitfeld, però, ha negato che le prestazioni siano al centro del loro progetto.

Il SUV M-Byte, con sistema di guida autonoma livello 3, dovrebbe essere messo in commercio entro l'anno in Cina ed arrivare in America ed Europa nel 2020 mentre la nuova berlina arriverà sul mercato intorno al 2021. Tuttavia, i modelli non saranno equipaggiati per la guida autonoma di livello 4, che comincerà ad essere testata sui prototipi nel 2020.

Byton K-Byte

Byton K-Byte Byton K-Byte