Home News Niente "XP Mode" su Windows 7 per i notebook Vaio

Niente "XP Mode" su Windows 7 per i notebook Vaio

No virtualizzazione e XP Mode sui notebook Sony VAIOGli attuali notebook della famiglia Sony Vaio non offriranno supporto per la modalità "XP Mode" del futuro sistema operativo Windows 7: la tecnologia "Intel VT" dei processori Core 2 Duo è stata infatti disabilitata dal BIOS per motivi di sicurezza.

Qualche mese fa Microsoft aveva confermato ufficialmente la presenza dell'add-on "Virtual Windows XP Mode" per le versioni Professional, Ultimate ed Enterprise del sistema operativo Windows 7. Il modulo potrà essere utilizzato su tutti i computer dotati di un processore che offre supporto per la virtualizzazione, come ad esempio i processori Intel Core 2 Duo, Core 2 Quad e Core 2 Extreme muniti della tecnologia "Vanderpool" Intel VT (Virtualization Technology).

Image

Gli utenti interessati all'acquisto di un nuovo computer si sono immediatamente precipitati ad individuare i processori privi di tale supporto, in modo da essere certi di poter usufruire della modalità XP di Windows 7 in caso di upgrade.

Sempre nello stesso periodo erano trapelate alcune voci circa la possibile disabilitazione della tecnologia Intel VT da BIOS da parte di alcuni produttori; la questione non ebbe tuttavia seguito, dal momento che mancavano parecchi mesi al lancio del nuovo sistema operativo, e si dava per scontato che le aziende si adeguassero per tempo alle esigenze dei consumatori.

Alcuni giorni fa Microsoft ha diffuso la release candidate del plug-in "XP Mode", e gli utenti hanno potuto finalmente testare il modulo aggiuntivo sui propri computer. I possessori di notebook Sony Vaio hanno dunque potuto scoprire con amarezza che il produttore nipponico praticava già da tempo la disabilitazione della tecnologia VT sulle macchine munite di processori Intel.

L'azienda è stata immediatamente sommersa da richieste di spiegazioni, provocando l'intervento del Senior Manager Product Marketing di Sony, Xavier Lauwaert: "Ultimamente abbiamo ricevuto pochissime richieste di attivazione della tecnologia VT," ha commentato Lauwaert. "Inoltre i nostri ingegneri ed il nostro team del controllo di qualità erano preoccupati del fatto che l'abilitazione di Intel VT potesse esporre il sistema a rischi di infezione da codice maligno." Il Senior Manager del colosso giapponese ha dichiarato infine che in futuro la tecnologia di virtualizzazione sarà attivata solamente su "modelli selezionati".

Naturalmente la questione non è ancora chiusa: parecchi consumatori hanno acquistato negli ultimi mesi un notebook Sony Vaio nella convinzione di poter beneficiare appieno delle potenzialità di Windows 7 (come peraltro sottolineato da Sony in un recente comunicato stampa), e richiedono a gran voce un aggiornamento BIOS per ovviare al deficit funzionale dei propri computer, rimarcando come l'azienda non abbia divulgato alcuna informazione in merito.

Commenti (5) 

RSS dei commenti
sony.. la solita scorretta nel non pubblicizzare le cose e nel non essere trasparente.. che cosa costa agli ingegneri mettere una opzione nel BIOS per abilitare/disabilitare il VT (come del resto fanno tutti gli altri produttori). Bhà
Chi non la vuole ha la possibilità di disabilitarla dal BIOS e viceversa chi la vuole... bhà.. si perdono (e perdono clienti e chanches) in un bicchier d'acqua.

Come ancora a tutt'oggi, le schede LAN (marvell) montate sui notebook Sony, hanno tutte l'opzione di poter "risvegliare" il notebook da lan e riattivare il computer (con pacchetti "magic packet" ad esempio)..
..peccato che non vi è nessuna opzione da BIOS per supportare tale funzione (come invece fanno gli altri costruttori). Anche in questo caso BIOS castrato.

Magari a qualche ingegnere sony, gli è sorto il dubbio che a qualcuno che vuole usare il notebook a casa come home computer, tale funzione, come opzione, gli potrebbe essere molto utile !?

Chissà perchè Sony NON VUOL VENDERE e vuole rendere i propri prodotti antipatici con una immagine antitecnologica e che non sfruttano nemmeno l'hardware che è installato. Bhà chissà !!!??? .. Peggio per loro.. tanto il mercato li punisce.  
0

stambeccuc

agosto 10, 2009

purtroppo i malware possono colpire i Bios compromettendo il funzionamento del pc, e Sony ,fino a quando non esce la versione definitiva di Windows 7, ha preferito non compromettere la funzionalità dei computer dato che le release candidate possono essere più soggette all' attacco dei virus, certe volte è meglio prevenire che curare. :roll:  
0

icarius

agosto 11, 2009

ma che stai a di' icarius !! : :shock: :lol:
..è da qualche anno, da quando ci sono i processori che offrono supporto alla virtualizzazione che i "notebook seri" offrono l'opzione di abilitazione dal BIOS delle istruzioni VT.. e ciò a prescindere dal sistema operativo installato.
..non è che anche tu sei un ingegnere della sony !!?? ..considerata la faccina ironica :roll: :lol:  
0

stambeccuc

agosto 11, 2009

Comunque l' aggiornamento del Bios si può sempre fare in seguito non è che chi ha comprato un notebook Vaio lo deve andare a buttare, e poi come ho gia detto i malware sono all' ordine del giorno per giunta la release candidate di Windows 7 è stata già craccata notizia di qualche giorno fa.  
0

icarius

agosto 12, 2009

A me sembra una semplice scusa, spero per i possessori dei Vaio che non sia una modifica o mancanza hardware altrimenti ci sarà ben poco di che fixare.  
0

KiTo

agosto 13, 2009

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy