Home News Hasbro perde la causa contro Asus: Transformer Prime libero

Hasbro perde la causa contro Asus: Transformer Prime libero

Hasbro perde la causa contro Asus: Transformer Prime liberoLa causa, che ha visto protagonista Hasbro contro Asus per i diritti sul nome "Transformer Prime", si è conclusa a favore del colosso taiwanese, padre del tablet Eee Pad Transformer.

Verso la fine dell’anno scorso, Hasbro ha depositato denuncia nei confronti della taiwanese Asus per presunta violazione del trademark “Transformer Prime”. La vicenda aveva suscitato non poche polemiche tant’è che oggi è arrivata la sentenza della Corte Federale di Los Angeles che assolve Asus da qualunque accusa. Il giudice ha infatti evidenziato che il nome scelto dal colosso taiwanese per la sua serie di tablet non rischia di confondere i consumatori e, di conseguenza, non reca danno nei confronti di Hasbro.

La battaglia tra Trasformer Prime di Asus e Transformer Optimus Prime di Hasbro sembra essersi conclusa con ovvia soddisfazione per il produttore che potrà dunque continuare liberamente a commercializzare il proprio tablet senza incorrere in alcuna sanzione. E’ chiaro che, oltre al nome, i due prodotti appartengono a due mondi completamente diversi. Asus Transformer Prime, lo ricordiamo, è un tablet da 10 pollici basato sul SoC quad core Tegra 3 di Nvidia, equipaggiato con una fotocamera posteriore da 8 megapixel e da una fotocamera anteriore da 1.2 megapixel.

La tavoletta digitale utilizza il sistema operativo Android di Google ed è disponibile al prezzo di 599 euro, per la versione WiFi-only da 32GB con tastiera docking. Il Trasformer Prime è disponibile anche nel nostro Paese e sono previsti interessanti aggiornamenti. Nulla a che vedere, dunque, con il capo degli Autobot che, da sempre, si batte contro i cattivi Decepticons. La Corte Federale ha, inoltre, considerato tardivo l’intervento di Hasbro, sopravvenuto in ritardo rispetto a quanto sarebbe stato opportuno.

In sintesi, Hasbro non ha dimostrato un rischio di danno irreparabile dovuto alla politica condotta da Asus. Dopo aver aspettato fino a quando il tablet Asus fosse sul mercato da quasi un anno, la Corte non ha visto motivi per invocare misure straordinarie di intervento a favore di Hasbro e, pertanto, nega la mozione. Hasbro, dal canto suo, in forte contrasto con la decisione della Corte stessa, ha fatto già sapere di aver intenzione di continuare a seguire la vicenda e di prendere tutti i provvedimenti necessari per far rispettare quello che, secondo l’azienda, rappresenta una vera e propria violazione.

Asus Transformer Prime vs Optimus Prime

Commenti (6) 

RSS dei commenti
Qualcuno in Asus deve essere un patito dei transormer, ma questa sentenza stabilisce che i nomi possono essere tutelati se usati nello stesso ambito ovvero se facevano un robot giocattolo asus chiamato prime mi sa che perdevano ma qui siamo su due ambiti diversi; anche se potevano prevedere la cosa ed evitarla a priori! Di casi simili ne esistono a bizzeffe anche se quasi mai vanno in causa se i prodotti sono diversi come tipologia.
Personalmente preferivo eeepad come nome, ricordava le idee pioneristiche di asus nel settore netbook e magari suggerire una sorta di convergenza dei prodotti, del resto chi aveva preso un netbook come pc leggero e piccolo da usare in viaggio ma affiancato da un notebook per lavorare bene mi sa che ha già sostituito o lo farà (maggior ragione quando windows8 chiarirà le idee nel settore) non appena il netbook sarà allo stremo.  
riky1979

riky1979

marzo 29, 2012

secondo me la sentenza è ingiusta nei confronti di Hasbro e non tiene conto del fatto che Transformer Prime, più che un giocattolo, è un nome associato nell'immaginario collettivo alla tecnologia. In fondo sono robot, ed i robot hanno più addentellati con il mondo dei computer
per come la vedo io, Asus poteva evitare di fare quel richiamo  
Dgenie

Dgenie

marzo 29, 2012

Anche secondo me potevano evitare, ma hanno tenuto conto che uno è un giocattolo e l'altro un pc! Non ti viene in mente FIESTA?  
riky1979

riky1979

marzo 29, 2012

c'è una sentenza sul marchio Fiesta? non lo sapevo... racconta  
Dgenie

Dgenie

marzo 29, 2012

Non c'è perchè nè ferrero ne ford hanno mai preso in considerazione il problema dato che sono due cose diverse; come del resto ci sono altri nomi di prodotti sdoppiati che non generano cause legali, se ripesco l'articolo sui nomi che indicano più prdotti (è cartaceo) ti dico di più, lo avevo tenuto perchè era interessante ma devo trovarlo e so già che non sarà facile.
Premettendo che è sempre meglio evitare le rogne e quindi per asus sarebbe stato meglio evitare di clonare il nome.  
riky1979

riky1979

marzo 29, 2012

credo che la ragione sia proprio quella di cui parlavo prima: la distinzione fra la Fiesta merendina e la Fiesta autovettura è marcata, invece nel caso del Transformer Prime c'è un richiamo alla tecnologia che può far sorgere dubbi o può trarre in errore. Ora per il giudice americano questa sovrapposizione non esiste, secondo me invece sì  
Dgenie

Dgenie

marzo 29, 2012

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy