Home News Windows Phone 7: dollari in cambio di applicazioni

Windows Phone 7: dollari in cambio di applicazioni

Windows Phone 7: dollari in cambio di applicazioniIn occasione del lancio americano di Windows Phone 7, avvenuto la settimana scorsa, il Marketplace di Microsoft poteva contare su 1600 applicazioni disponibili, tra cui alcuni titoli importanti e conosciuti. Chi ha realizzato questi software e come?

Preparando il suo ritorno sul mercato degli smartphone con il nuovo sistema operativo Windows Phone 7, anche se privo di qualsiasi applicazione, Microsoft aveva costituito due gruppi per gestire le relazioni con gli editori terzi. Il primo team aveva il compito di reclutare i 50 principali sviluppatori mentre il secondo doveva garantire un lavoro più classico e più ampio di evangelizzazione della piattaforma. Il primo gruppo, impegnato nella ricerca delle applicazioni chiave, avrebbe pagato gli sviluppatori.

Windows Phone 7 Marketplace

Tutto ciò implicherebbe un solo risultato: Microsoft avrebbe sviluppato e/o finanziato la gran parte delle applicazioni presenti su Windows Phone 7 come Facebook, Twitter, IMDb (database sul cinema), Amazon e Yelp. PopCap, creatore di Bejeweled e di Plants vs Zombies, avrebbe ricevuto un assegno di circa 100.000 dollari per portare a termine almeno un titolo su Marketplace. La software house avrebbe preferito declinare l'offerta, evitando un impegno simile, pur realizzando un gioco basato su Bejeweled.

PopCap, infatti, pur non avendo familiarità con gli strumenti di sviluppo di Microsoft, era allettata dall'idea di realizzare una delle prime applicazioni disponibili per Windows Phone 7. Secondo indiscrezioni rilasciate da GigaOM, anche Foursquare avrebbe rifiutato un'offerta inizialmente, preferendo aspettare che Windows Phone 7 raggiungesse almeno 10 milioni di unità vendute. Successivamente però l'azienda avrebbe accettato l'offerta e Microsoft avrebbe finanziato due mesi di sviluppo.

Foursquare ha accettato una proposta identica da Nokia per Symbian. In questo caso però, il lavoro fu affidato a terze parti ma ancora una volta lo sviluppo fu pagato dal produttore di smartphone.

Commenti (3) 

RSS dei commenti
In molti siti ho visto ripresa questa news come una simile politica commerciale fosse disdicevole.Eppure è qualcosa che è sempre stato fatto:gli sviluppatori vengono pagati in cambio della loro collaborazione poichè quando una piattaforma di lavoro è stata appena introdotta sul mercato il bacino di utenza è molto ristretto e le aziende produttrici preferiscono investire attingendo a mercati già diffusi e consolidati.Ma i sistemi operativi si diffondono proprio quando l'utente al di là delle campagne di marketing avverte la versatilità del mezzo e per questo ci vogliono o pochi prodotti di gran qualità o una miriade di offerte.Insomma è un cane che si morde la coda e l'unica maniera di accellerare il circolo è iniettando liquidità nel meccanism:bilanciare il rischio che corrono gli sviluppatori producendo qualcosa che verrà comprato da due gatti con un incentivo economico.  
masso4321

masso4321

novembre 21, 2010

neanche io ci vedo nulla di male
gli sviluppatori sono una risorsa preziosissima e Microsoft fa bene a coccolarli  
Dgenie

Dgenie

novembre 21, 2010

si è giusto, ma non è molto normale che Microsoft debba pagare Facebook per sviluppare la sua applicazione. Trovo più logico che Microsoft dia soldi ad uno sviluppatore X, che possa realizzare un'applicazione Facebook per Microsoft. La differenza è sottile, ma c'è smilies/grin.gif  
King

King

novembre 22, 2010

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy