Home News Office Open XML: ora standard ISO

Office Open XML: ora standard ISO

ImageIl voto finale appare essere largamente a favore: le indicazioni di 87 organismi nazionali hanno contribuito al perfezionamento delle specifiche.

Dopo oltre 14 mesi di intensa analisi, il comitato tecnico congiunto dell’International Standardization Organization (ISO) e dell’International Electrotechnical Commission (IEC) ha concluso il suo processo formale di valutazione della bozza di standard internazionale (DIS) 29500: Office Open XML (Open XML) presentata da Ecma International.

Sebbene il risultato del voto finale non sia stato ancora formalmente annunciato, informazioni e notizie disponibili pubblicamente sembrano indicare che lo standard Open XML abbia ricevuto un supporto estremamente ampio. Secondo notizie presenti in rete, l’86% di tutti gli organismi nazionali hanno supportato la standardizzazione ISO/IEC ben al di sopra del 75% richiesto dalle regole formali ISO e IEC. Inoltre, il 75% dei membri nazionali partecipanti (noti come “membri P”) hanno supportato la standardizzazione ben al di sopra del 66.7% richiesto per questo gruppo. L’Open XML diventa così uno standard aperto di formato dei documenti riconosciuto da ISO e CE, al pari di HTML, PDF e ODF.

"Con l’86% dei voti degli organismi nazionali a favore della ratifica, c’è stato un travolgente sostegno per Open XML. Questo esito rappresenta una netta vittoria per i clienti, i fornitori di tecnologia e i governi che vogliono scegliere un formato che incontri le loro esigenze e aver voce in capitolo per quanto riguarda l’evoluzione di questo standard di ampia diffusione," ha affermato Tom Robertson, responsabile per l’interoperabilità e gli standard di Microsoft Corp. "Le indicazioni di tecnici, clienti e governi di tutto il mondo hanno contribuito a migliorare le specifiche Open XML e le renderanno ancora più utili per sviluppatori e utenti. Una volta approvato, ci impegniamo a supportare queste specifiche nei nostri prodotti, e continueremo a lavorare con organismi nazionali, governi e industria al fine di promuovere livelli ancora maggiori di interoperabilità e innovazione."

Lo standard aperto ha ottenuto una larga adozione nell’intera industria del software per l’utilizzo su un’ampia varietà di piattaforme, incluso Linux, Windows, Mac OS e Palm OS. Centinaia di sviluppatori di soluzioni software indipendenti e produttori di piattaforme in tutto il mondo, come Apple Inc., Corel Corp., Sun Microsystems Inc., Microsoft and Novell Inc. – stanno sviluppando soluzioni basate su Open XML che offrono un reale valore per tutti gli utenti IT a livello globale. Una ricerca indipendente ha concluso che l’uso di Open XML si diffonderà presumibilmente sempre di più nel futuro. Migliaia di aziende hanno espresso il loro supporto a Open XML e alla sua ratifica da parte di ISO e IEC.

Chi lavora con Open XML può testimoniare i vantaggi che questo formato aperto può offrire per quanto riguarda la gestione di documenti e dati, il recupero dei dati, l’interoperabilità con i sistemi aziendali e la conservazione dei documenti nel tempo. I formati sono ottimizzati con un livello di precisione e dettaglio che facilita la compatibilità di miliardi di documenti nel futuro. I documenti nel formato Open XML hanno la caratteristica peculiare di integrare altri tipi di sistemi e dati con i documenti basati su Open XML pur mantenendo una separazione chiara e semplice della parte di presentazione delle informazioni (markup Open XML) e dei dati (schemi custom e loro istanze).

Questo significa che le organizzazioni possono usare i formati Open XML per presentare informazioni provenienti da altre applicazioni e sistemi senza doverle prima tradurre, un’innovazione fondamentale per gli sviluppatori che desiderano integrare informazioni commerciali in tempo reale nei loro documenti, o per chi vuole marcare i documenti secondo un sistema di “tag” su misura per migliorare la comprensione dei contenuti dei loro documenti.

     

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy