Home Articoli ACER accelera sugli smartphone in Italia. Anche Windows Phone in futuro?

ACER accelera sugli smartphone in Italia. Anche Windows Phone in futuro?

Acer accelera sugli smartphone in Italia. Anche Windows PhoneGrazie ad una partnership con Unieuro sarà più facile comprare gli smartphone ACER Liquid in Italia. Nella nostra intervista, le strategie di mercato di ACER fino al 2015 e il probabile arrivo di uno o più Windows Phone.

Nel volgere di pochi anni abbiamo assistito ad una rapida escalation del fenomeno mobile, i cui principali protagonisti sono ovviamente smartphone e tablet. Il concetto, un tempo monolitico, di personal computer si è rapidamente dissolto sotto la spinta di una forza centrifuga senza precedenti, frammentandosi in una miriade di device differenti che possiamo raggruppare sotto la definizione generica di mobile computing.

L'evoluzione dal personal computing al mobile computing è un processo ancora in itinere ma i suoi effetti sono già ben visibili a tutti. Quello sicuramente più eclatante è l'enorme successo di mercato degli smartphone, accompagnato dall'emergere di piattaforme hardware e software alternative che hanno imposto ai PC vendor di ripensare alle loro strategie ed al loro portfolio di prodotti. Fra questi, ACER è stato sicuramente fra i primi a fiutare il cambiamento di rotta, lanciando la sua gamma di smartphone Android Liquid nel lontano 2009.

Nonostante il susseguirsi di refresh e di nuovi modelli che hanno reso ACER Liquid una delle famiglie di smartphone più riconoscibili a livello internazionale, tuttavia in Italia, come spesso accade, non c'era stata una strategia di distribuzione organica, almeno finora perché ACER ha intenzione, a partire dalla fine del 2014 e continuando nel 2015, di rafforzare la sua presenza in Italia in questo segmento.

Insomma un nuovo inizio gli smartphone marchiati ACER nel nostro Paese, con l'aiuto di partner d'eccezione sul canale retail, come ci spiega Marco Cappella, country manager di ACER Italia: "Abbiamo l'ambizione di completare un'offerta che possa abbracciare tutte le categorie rilevanti del mondo digitale. Gli smartphone sono il mercato di riferimento, quello più grande, in cui si muovono più pezzi e di maggiore valore e quindi era inevitabile che ACER lo approcciasse in maniera strategica. Per questo lanciamo la gamma smartphone in Italia in collaborazione sul canale retail con Unieuro, per poi espandere la nostra presenza a partire dal 2015."

Marco Cappella, country manager di ACER Italia

Marco Cappella, country manager di ACER Italia

In Italia però i vostri smartphone erano già in vendita sugli etailer.
Sì siamo presenti su Esprinet quindi anche gli etailer propongono i nostri prodotti.

Prevedete di sbarcare anche sul canale delle Telco?
Attraverso i nostri partner di distribuzione ci aspettiamo di andare a coprire anche i dealer telefonici oltre al canale retail e quelli che sono i nostri dealer informatici certificati, che comunque sono anche rivenditori di telefonia mobile.

Un'idea circa i tempi?
Nel periodo che manca fino alla fine del 2014 il partner esclusivo di vendita è la catena Unieuro che ha una presenza capillare sul territorio nazionale perché è la catena che ha il maggiore numero di punti vendita.

A partire da gennaio ci attrezzeremo per ampliare la presenza anche su tutte le altre catene del mercato consumer electronics e mass merchandise (ipermercati) e contemporaneamente andremo ad attivare nuove iniziative per ampliare la nostra presenza sui dealer.

Acer Liquid Z500

Acer Liquid Z500

Quali sono i vostri obiettivi in termini di risultati?
Presumo che al termine del primo semestre 2015 avremo raggiunto gli obiettivi distributivi. E' un mercato molto grande e molto combattuto, fortemente concentrato su due brand, quindi l'ambizione è quella di guadagnare in Italia qualche punto percentuale per giustificare una presenza del brand diffusa sul canale distributivo.

Immagino che per competere in un mercato così competitivo dovrete rafforzare la brand awareness. Gli smartphone ACER Liquid hanno già una loro identità ed una personalità abbastanza definita, ma quali iniziative avete intenzione di intraprendere per rafforzare la consapevolezza del brand presso gli utenti finali?
In italia abbiamo una strategia di comunicazione nell'anno 2014 piuttosto consistente, che ad esempio ci ha visti impegnati ad agosto in campagna di comunicazione molto estesa nei principali aeroporti europei ed in Italia a Fiumicino e Malpensa. Fra i protagonisti di questa campagna c'erano ovviamente anche gli smartphone.

Per novembre e dicembre prevediamo un altro forte investimento di comunicazione sia online che offline, quindi l'Italia è uno di quei Paesi in cui ACER sta investendo molto in termini di visibilità del brand a 360 gradi.

Come si compone la gamma ACER Liquid per l'Italia?
L'idea in questo momento non è quella di proporre al mercato una scelta amplissima di prodotti ma una gamma essenziale. Nella fattispecie stiamo partendo con 3 prodotti: ACER Liquid Jade posizionato a 229 euro, ACER Liquid z500 a 149 euro e l'entry-level Liquid z200 a 79 euro e quindi stiamo facendo riferimento a quella parte del mercato che propone prodotti maggiormente accessibili dal punto di vista del prezzo.

Acer Liquid Z200

Acer Liquid Z200, lo smarphone entry-level

Quindi nessuno smartphone ACER della serie E?
In questo momento esiste un ACER Liquid e700 ma non lo stiamo proponendo. Ci limitiamo ai tre prodotti predetti perché l'obiettivo prioritario strategico è quello di arricchire e completare la gamma per offrire ai clienti ACER la possibilità di restare all'interno dell'ecosistema ACER anche nel momento in cui utilizzano uno smartphone

I device sono posizionati in maniera molto intelligente sul mercato, dal punto di vista del rapporto tra qualità, caratteristiche tecnologiche e prezzo, e quindi riteniamo che ci sia lo spazio per competere su un mercato così grande andando a prendere una quota di mercato che abbia una sua visibilità.

A proposito di Liquid Jade, vogliamo dare una parola definitiva circa la distribuzione della smartband Liquid Leap nel nostro Paese?
ACER Liquid Jade arriverà in Italia senza Leap. Per adesso la wristband non è nei piani per quanto riguarda il territorio italiano anche se probabilmente entreremo nella categoria dei wearable prossimamente.

 

Acer Liquid Jade

Acer Liquid Jade arriverà in Italia senza Leap

 

A parte il prezzo concorrenziale, quali sono gli altri punti di forza su cui contate di fare leva per scardinare il forziere della telefonia mobile?
Abbiamo sicuramente altri assi nella manica. ACER Liquid Jade ha un design estremamente distintivo con uno spessore di soli 7.5mm e 110gr peso. Nonostante lo schermo da 5 pollici HD mantiene quindi un design compatto che si distingue nello scenario attuale.

Anche sull'ACER Liquid z500 abbiamo uno schermo da 5 pollici HD ma con un accento sulla multimedialità e l'intrattenimento grazie ai due speaker frontali che assicurano una resa acustica eccellente.

AcerNAVNon ci affidiamo solo al prezzo ma alla complessiva esperienza utente e che racchiude non solo l'estetica e la dotazione tecnica ma anche il software. Per tutti i nostri prodotti avremo la possibilità di usare ACER Cloud, che è uno dei tratti distintivi che attraversa tutta la nostra gamma, e poi sugli smartphone da 5 pollici offriremo la navigazione GPS offline tramite una applicazione proprietaria, AcerNAV che sfrutta le mappe TomTom.

E' un'applicazione gratuita l'unica operazione che deve fare l'utente è scaricare le mappe con licenza illimitata e senza ulteriori costi. Non si consuma traffico dati e in più c'è l'interconnessione con Tripadvisor per quanto riguarda i punti di interesse.

Attualmente i vostri smartphone sono equipaggiati con SoC Mediatek o Qualcomm, un po' come in precedenza succedeva anche per i vostri tablet. Sui tablet però nel corso del tempo la gamma ACER è tornata a polarizzarsi attorno ai processori Intel. Succederà lo stesso anche per gli smartphone?
I tre smartphone che portiamo in Italia sono tutti Mediatek ma l'intenzione è quella di differenziare l'offerta con un'ampia gamma di prodotti in cui ci sarà una differenziazione a livello di chipset. Non saremo monopolizzati da un unico fornitore.

Un monopolio che però sembra concretizzarsi sul versante dei sistemi operativi con Android che secondo le stime è presente sull'84% dei telefoni. Anche i vostri smartphone sono tutti Android based, una matrice mono-OS che manterrete anche nel futuro?
Molto probabilmente cercheremo di offrire al mercato tutto quello che è disponibile quindi tenderei a pensare che avremo anche una offerta Microsoft come sistema operativo.

Commenti (1) 

RSS dei commenti
Acer ha sempre strizzato l'occhio all' Italia ma non crede molto nella vendita lasciando libero il posto per chi affamato si è ramificato dagli entry level al top di gamma, esattamente come ha fatto Samsung.
Temo che la loro voglia di stare al passo con i competitor, dopo aver abbandonato il mercato per lungo tempo, almeno qui in Italia, non credo abbia giovato positivamente alla loro immagine.
Nei loro panni farei dei bundle assieme con i pc, ovvero pc e telefono in un prezzo concorrenziale, innalzerebbe sia la vendita dei pc, che degli smartphone, specialmente se questi verranno presentati anche nei supermercati.
Che ne dite siete d'accordo con me?  
mansonm2

mansonm2

gennaio 08, 2015

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy