Home News Windows 7 torna online, dopo un blocco

Windows 7 torna online, dopo un blocco

Windows 7 ripristinato il downloadMicrosoft è finalmente riuscita a ripristinare il servizio di download per la beta 1 del sistema operativo Windows 7; la release di prova sarà aggiornata fino al primo agosto 2009, data nella quale cesserà di funzionare.

Nel pomeriggio dell'8 gennaio scorso Microsoft ha lanciato pubblicamente la beta di Windows 7, il sistema operativo che secondo i piani di Redmond dovrà far dimenticare le perplessità suscitate da Windows Vista, rinnovando i fasti del marchio "Windows".

L'insperato assalto degli utenti al servizio di download offerto sul sito di Windows 7 ha tuttavia costretto Microsoft a correre ai ripari, dal momento che i server messi a disposizione sono stati immediatamente intasati dalle richieste. Dopo un "black out" di alcune ore, con l'ausilio di nuovi server, il servizio è stato ripristinato, ed è nuovamente possibile accedere alla pagina di download.

Per scaricare Windows 7 ed ottenere una licenza di attivazione è necessario essere in possesso di un account Windows Live (che sarà comunque possibile creare gratuitamente). Microsoft ha deciso di distribuire un totale massimo di 2.5 milioni di licenze; se il limite verrà superato, gli utenti potranno comunque scaricare l'immagine del DVD di Windows 7 beta (build 7000.0.081212-1400 in versione 32 e 64 bit), attualmente disponibile in lingua araba, inglese, giapponese, hindi e tedesca, ed avvalersi dei 30 giorni di trial.

Windows 7: jump list

I più esperti hanno comunque già sperimentato con successo sulla beta di Windows Seven il noto comando "slmgr -rearm", che permetterà, così come per Windows Vista, di estendere gratuitamente e legalmente il periodo di prova da un mese a 120 giorni.

Onde evitare rallentamenti nei download, Microsoft invita gli utenti che hanno già effettuato il download ma hanno smarrito il codice di attivazione, a ripetere la procedura per ottenere una nuova licenza, senza dover scaricare nuovamente il file. Lo stesso discorso vale per chi, durante la giornata di ieri, ha deciso di effettuare il download dal link diretto al file immagine sui server Microsoft.

L'azienda statunitense consiglia ai tester che proveranno la beta di accedere ad Internet durante l'utilizzo, sia per effettuare eventuali aggiornamenti, sia per usufruire del processo automatico di report in caso di crash o errori di sistema, vitale per lo sviluppo e la correzione degli errori critici del sistema operativo. Ricordiamo che Windows 7 beta 1 cesserà di funzionare il primo agosto 2009, per dare spazio all'arrivo delle prime release candidate (RC) del nuovo OS Microsoft.