Home News Windows 7 piace ma costa troppo

Windows 7 piace ma costa troppo

Windows 7 in alto i prezziUn manager di Dell smorza l'entusiasmo che circonda il nuovo sistema operativo Microsoft Windows 7: i prezzi delle licenze aumenteranno troppo dispetto a Windows Vista e Windows XP.

Su Windows 7 si appuntano le attenzioni di quanti, delusi da Windows Vista, hanno fatto ritorno al vecchio Windows XP. Il futuro sistema operativo a finestre, infatti, si preannuncia come una netta inversione di rotta rispetto a Vista: quanti hanno provato la RC di Windows 7, disponibile pubblicamente per il download sul sito di Microsoft, hanno riportato impressioni positive.

Image

Con Winodws 7 anche l'hardware limitato di un netbook risulta scattante, lontano anni luce dalla greve lentezza di Windows Vista. Insomma, c'è grande entusiasmo per il prossimo sistema operativo a finestre che dovrebbe debuttare ad Ottobre 2009 o al limite a Natale.

Se gli utenti questa volta sono soddisfatti, i produttori invece hanno qualche rimostranza sul prezzo. Sembra, infatti, che la licenza di Windows 7 possa essere davvero troppo esosa, tanto che un dirigente di Dell avrebbe dichiarato a CNet: "Se c'è un motivo che potrebbe influenzare la diffusione, rallentando l'adozione e spingendo i clienti ad aspettare, è il fatto che il prezzo medio è più alto di quello di vista ed XP."

Il problema non riguarda solo i PC vendor che acquistano numerose licenze ODM ma si rifletterà inevitabilmente anche sui consumatori finali che vedrebbero lievitare il prezzo del proprio PC notebook o desktop.

La domanda che ci poniamo, quindi, è: quanto questo ritocco ai listini dipende dai costi sostenuti per sviluppare le nuove features e quanto invece deriva dai feedback positivi degli utenti? Abbiamo, infatti, la percezione che molti di noi siano realmente disposti a spendere qualcosa in più pur di poter definitivamente accantonare Windows XP. Gli esperti di marketing di Microsoft l'avranno notato?

 

Commenti (2) 

RSS dei commenti
Facciamo due conti... XP costava X, dopo anni e anni di sviluppo hanno presentato Vista, e si parlava di tonnellate di codice riscritto (anche se questa cosa non ha convinto tutti) e di tantissimo lavoro dietro, venduto al prezzo Y > X.
Ora magicamente dopo... quanto? Tre anni circa? (era fine 2006 Vista se non sbaglio...) Insomma, con la metà del tempo che ci volle per Vista esce Seven, un Vista rivisto che costerà Z > Y > X...
Qualcosa non torna...
Uno di SO Microsoft sviluppati nel minor tempo che viene ad essere il più costoso di sempre... è palesemente insostenibile la tesi che abbia avuto costi di sviluppo superiori.
Questa storia lascia perplessi anche e soprattutto coloro che ipotizzavano che MS avrebbe optato per un lancio con prezzo aggressivo di Seven, tentando così di rifarsi un'immagine positiva dopo le critiche a Vista, dopo i vociferati complotti per l'assegnazione del bollino "Vista Ready" ad hardware che "Ready" non lo era manco per niente, dopo il "modesto" aumento di diffusione di Mac OS e Linux.

A questo punto quanto si ipotizza nell'articolo (il fatto che MS possa fare leva sul desiderio di upgrade) io lo vedo plausibile e perfettamente coerente con la politica di diffondere anticipatamente versioni beta e RC (quest'ultima utilizzabile per ben 1 anno!) per abituare l'utente al nuovo sistema operativo e per pubblicizzarlo ancor prima che sia in commercio.

Brutte storie... :confused:  
0

ZephonSoul

maggio 19, 2009

sembra invece che qui ci sia un discorso X = Y o molto simile ma Z > di X e Y  
0

tesla

maggio 19, 2009

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy