Home News Winamp: una petizione per salvarlo!

Winamp: una petizione per salvarlo!

Winamp: una petizione per renderlo open-sourceUn gruppo di sviluppatori ha invitato Nullsoft e AOL a pubblicare il codice sorgente del lettore audio Winamp, impegnandosi a far crescere ulteriormente la community. La loro petizione online ha già raccolto 20.000 firme.

Winamp rimarrà attivo? Una settimana dopo l'annuncio della "morte programmata" di Winamp, fissata per il 20 dicembre, un gruppo di sviluppatori è pronto a prendersi cura del lettore audio. Gli audaci coder invitano la società a rendere pubblico il codice sorgente del software, in modo che possano continuare il suo sviluppo e, perché no, lanciare nuove versioni.

L'iniziativa è costruita intorno al sito SaveWinamp.com ed è accompagnata da una petizione online via Change.org chiamata "AOL: Keep Winamp alive or let it go open source" (che tradotto è AOL: mantieni in vita Winamp o fallo diventare open-source), che ha già raccolto più di 19.000 firme (nel momento in cui scriviamo).

Winamp

"Winamp è il miglior lettore multimediale mai creato. Se ci fossero altre alternative, sarebbe stato diverso, ma non c'è alcun software che fa quello che può fare Winamp", ha dichiarato Peter Zawacki , uno sviluppatore Web dietro questa iniziativa. "Se AOL permetterà di trasformare Winamp in un progetto open-source, il programma vivrà in eterno e verrà curato da chi lo ama e lo usa ogni giorno. Aiutateci a convincere AOL a mantere in vita Winamp o a rendere pubblico il suo codice sorgente".

AOL, proprietario di Winamp dopo l'acquisizione di Nullsoft, non ha ancora risposto alla petizione. Il 20 novembre, il gruppo statunitense ha annunciato che Winamp e tutti i servizi Web associati sarebbero stati chiusi il 20 dicembre, anche se il software continuerà a funzionare per coloro che lo hanno scaricato e installato prima.

Winamp è stato lanciato nel 1997, il periodo del boom degli MP3 tra la fine degli anni '90 e i primi anni 2000, in un momento in cui Windows Media Player soffriva di molte lacune. La sua interfaccia facilmente personalizzabile (con skin da scaricare), le molte feature ed il ricco elenco di plugin dedicati alla gestione dell'audioteca, conversione di file o sincronizzazione con iPod sono stati un punto di riferimento prima di iTunes e di altri servizi di musica online. Passato nelle mani di AOL, Winamp è stato sviluppato fino al 2011, con il rilascio di un client Android ed una versione per Mac. Poi più nulla.

Commenti (1) 

RSS dei commenti
Un'iniziativa da sostenere che potrebbe fare di Winamp il lettore audio open source di riferimento, come avvenuto per StarOffice, che dopo il rilascio dei sorgenti da parte di Sun nel 2000 si è evoluto prima in OpenOffice e successivamente in LibreOffice.  
m.mazzoni

m.mazzoni

novembre 26, 2013

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy