Home News WikiPad, prime impressioni in video

WikiPad, prime impressioni in video

WikiPad, hands-on videoGadmei WikiPad non è ancora disponibile sul mercato ma in Rete sono stati da poco pubblicati alcuni hands-on. Buone le impressioni generali: il device non è forse curatissimo dal punto di vista estetico ma il controller fisico integrato funziona benissimo e anche il tablet è molto valido ed offre una buona esperienza d'uso con Android. Ma avrà un mercato?

Avete mai sentito parlare di gaming tablet? No? Perché sul mercato ancora non ce ne sono. Il primo sarà Gadmei WikiPad, che dovrebbe arrivare alla fine di ottobre sugli scaffali. Si tratta in pratica di un normale tablet che però viene venduto assieme alla docking station/gamepad, all'interno della quale può essere infilato in modalità landscape per acquisire sia a destra che a sinistra i tipici comandi di un controller per console, che consentono un'interazione con i giochi finora sconosciuta sui tablet, e due speaker posizionati nella parte inferiore. Ovviamente però il WikiPad potrà essere utilizzato anche in modalità stand alone.

WikiPad

E' ancora presto ovviamente per una recensione completa che per forza di cose non potrà arrivare prima della fine di ottobre prossimo, ma alcuni colleghi di siti come Engadget e The Verge hanno potuto effettuare un breve ma significativo hands-on su un prototipo. Nonostante la scocca e il controller in plastica e una realizzazione al momento completamente manuale, ciò che si nota è la cura nei dettagli. Lo chassis è robusto e compatto, così come il controller, solido ed affidabile. Esteticamente il WikiPad non sembra uno dei più bei tablet sul mercato, sarà anche per la lavorazione manuale che al momento lo fa sembrare un po' grezzo nelle finiture, soprattutto agli angoli, o quello con lo spessore più sottile, ma tutto sommato non si può dire che non sia almeno gradevole.

Ottima anche la piattaforma hardware, che comprende un SoC Nvidia Tegra 3 con processore quad core ARM Cortex A9 da 1.4 GHz, GPU Nvidia ULP e 1 GB di RAM DDR2. Valido anche il display, un IPS con diagonale di 10.1 pollici in formato 16:10 e risoluzione di 1280 x 800 pixel, che offre un'ottima qualità delle immagini e un ampio angolo di visione sul piano orizzontale. Da notare infine la presenza del sistema operativo Google Android 4.1 Jelly Bean e la certificazione PlayStation, che consente agli utenti di scaricare tutti i titoli videoludici compatibili (solitamente quelli per PS One) sia dal PlayStation Store che da Google Play e Tegra Zone.

Il funzionamento del tablet è risultato fluido e piacevole, con le app che si aprono velocemente e l'interfaccia veloce e reattiva, sia nel caso di quella Android che di quella proprietaria, che raccoglie varie app sulle facce di un cubo tridimensionale che può essere ruotato ed è ovviamente più incentrata sui videogiochi. Con questi ultimi in particolare l'esperienza d'uso è considerata ottima, anche perché il device è dotato della capacità di rilevare la mappatura di default dei pulsanti del gioco applicandola dunque ai comandi disponibili, senza necessità di rimapparli.

I nostri colleghi sono unanimemente d’accordo nel valutare l'interazione offerta un consistente passo in avanti, anzi un balzo vero e proprio, rispetto all'uso dei comandi touch, anche se, almeno nel prototipo, la qualità dei pulsanti è distante da quella offerta dai gamepad per la XBoX 360, per la PlayStation 3 o quelli con cui è equipaggiata la PlayStation Vita. Le perplessità dunque sono rivolte più che altro alla mancanza di focus del WikiPad, che vorrebbe rivolgersi tanto ai professionisti che ai gamer ma che manca di applicativi specifici, soprattutto per i primi e ai dubbi sullo spazio di mercato che può ritagliarsi un device del genere, che costerà circa 500 dollari, quando già la PlayStation Vita e l’ancor meno costosa Nintendo 3DS stanno avendo difficoltà, senza contare che a breve arriveranno sul mercato le console di nuova generazione.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy