Home News WhatsApp per iOS diventa a pagamento (99 cent/anno)

WhatsApp per iOS diventa a pagamento (99 cent/anno)

WhatsApp per iOS costa 99 centesimi all'annoWhatsApp si aggiorna su iOS e, come previsto, introduce anche per i possessori di iPhone e iPad un canone annuo di 0.99 centesimi di dollaro, a partire dal secondo anno di utilizzo. I vecchi utenti, invece, potranno continuare ad usare WhatsApp gratis.

WhatsApp è una delle più popolari applicazioni di messaggistica istantanea, che permette di inviare messaggi gratis sfruttando la connessione Internet e i contatti in rubrica. Compatibile con più piattaforme, da Android a iOS, WhatsApp ha moltiplicato i suoi utenti e i messaggi scambiati al giorno nell'arco di pochi mesi, soprattutto perchè era una delle poche app ancora gratuite. Da qualche tempo, ormai, la società ha deciso di chiedere un piccolo contributo ai suoi utilizzatori, consentendo di autofinanziarsi e migliorare il suo sviluppo.

Google compra WhatsApp

Dopo il canone introdotto su Android, Windows Phone e Blackberry, WhatsApp introduce un dazio anche in iOS. Fino ad oggi gli utenti di iPhone e iPad pagavano (per una sola volta) 89 centesimi di dollaro, quando si scaricava ed installava l'applicazione, ma con il nuovo aggiornamento è cambiata anche la modalità di pagamento. I nuovi utenti (quindi coloro che proveranno da ora in poi a scaricare l'app) potranno installarla gratuitamente, pagando un canone annuo di 99 centesimi di dollaro dal secondo anno di utilizzo. E' la stessa azienda a comunicarlo con una nota ufficiale, in cui si legge: "Da questo momento in poi, abbiamo semplificato il nostro modello di business così tutti gli utenti potranno utilizzare WhatsApp gratuitamente per il primo anno per poi pagare 99 centesimi dall’anno successivo".

Questa decisione consentirà a WhatsApp di crescere, evitando la comparsa (sempre indesiderata) di messaggi pubblicitari e banner nell'interfaccia dell'applicazione. Con oltre 250 milioni di utenti, WhatsApp è più importante di Twitter. Ogni giorno, il servizio gestisce 18 miliardi di messaggi e nel mese di aprile, sono stati inviati più messaggi via WhatsApp piuttosto che tramite SMS come a livello globale. Coloro che già possedevano l'applicazione non sono obbligati a pagare il canone e potranno continuare ad utilizzarla gratis.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy