PlayStation con mod chip è reato! Una recente sentenza della Cassazione ha messo nei guai un cittadino di Bolzano, colpevole di aver venduto Playstation 2 con mod-chip, per la riproduzione di videogames piratati. L'operazione viola la legge del diritto di autore.

Per mettere un freno alla pirateria informatica, ed in particolar modo, all'esteso traffico di CD e DVD masterizzati di videogames per Playstation ed altre console da gioco, la Cassazione ha giudicato colpevole un bolzanese, venditore di una console Sony con chip-mod. L'intervento, comunemente chiamato "modifica", è giudicato illegale, in quanto consente la fruizione di giochi masterizzati e quindi non originali, venendo meno al diritto d'autore e alle leggi di protezione del copyright.

PlayStation 3 

L'uomo, a capo di una società di prodotti elettronici, vendeva Playstation 2 con mod-chip attraverso il suo sito web. Dopo una sentenza di primo grado, con successiva assoluzione in appello, annullata con rinvio alla Corte di Cassazione, il bolzanese è stato giudicato colpevole, nonostante la difesa abbia tentato di dimostrare che il caso sia fuori dalle leggi sul copyright. La Cassazione, pero', ha considerato i videogames come "opere dell'ingegno complesse e multimediali", dunque coperte da diritto d'autore.

 

Commenti