Home News Non previsti Ultrabook MSI e Gigabyte. Acer abbassa i prezzi

Non previsti Ultrabook MSI e Gigabyte. Acer abbassa i prezzi

Non previsti Ultrabook MSI e Gigabyte. Acer abbassa i prezziIl mercato degli ultrabook è in fermento, ma alcune aziende si dichiarano ancora scettiche. Al momento gli ultrabook MSI e Gigabyte non sono previsti, ma Acer programma un taglio dei prezzi dei suoi modelli (fino a 500$).

Sembrerebbe che MSI e Gigabyte non abbiano ancora dei piani precisi nel settore degli ultrabook, di cui si sta parlando abbondantemente nelle ultime settimane. Le due aziende taiwanesi, in difficoltà per la crisi del mercato dei netbook, sono spinte ad un’attenta analisi del settore e delle richieste degli utenti. Da quello che ci è possibile comprendere, MSI sembra intenzionata a rafforzare il settore dei gaming notebook nel prossimo futuro mentre Gigabyte si sta concentrando sui Booktop che, nel 2011, hanno raggiunto un volume di vendite inferiore alle 300.000 unità tra modelli entry-level e sistemi high-end per il gaming.

Acer Aspire S3

Acer, dal canto suo, sta programmando un taglio dei prezzi delle sue soluzioni che attualmente si aggirano attorno ai 1.000 dollari. Per il 2012 ci si aspetta una riduzione dei costi di circa il 20% che porterà l’azienda a proporre i propri ultrabook attorno a 799-899 dollari contro i 499 dollari previsti nel 2013 quando il mercato si sarà stabilizzato. Queste stime sono state rilasciate direttamente dal Presidente della compagnia Jim Wong. Acer attualmente distribuisce circa 100.000 Aspire S3 ogni mese ma sta cercando di incrementare i volumi di vendita fino a 250.000-300.000 unità. Questo è il suo obiettivo per la fine del 2011 e l’inizio del 2012.

Gli ultrabook sono dispositivi equipaggiati notoriamente con componenti piuttosto costosi. Ad incidere sul prezzo finale, tra l’altro, si aggiungono le unità a stato solido per la memorizzazione dei dati, tutt’altro che economiche. Per cercare di arginare quello che appare uno dei più grandi ostacoli alla diffusione di questa classe di dispositivi, è intervenuta anche Intel che ha promesso ai produttori un incentivo di 100 dollari, una mossa che dovrebbe far diminuire il prezzo degli ultrabook del 5-10% dal 2012.

Se si considera che, ad esempio, in un ultrabook da 13 pollici con unità SSD, il costo dei soli materiali è stimato in circa 690 dollari, si intuisce quale sia la difficoltà dei produttori a tagliare le spese per offrire prodotti competitivi sul mercato. Nel 2012 sembra sia previsto anche l’intervento di Sony e Dell che potrebbero presentare le loro soluzioni rendendo, di fatto, l’offerta più variegata.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy